Nikola Vucevic sulla free agency, "Orlando è stata la mia prima scelta"
143272
post-template-default,single,single-post,postid-143272,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Orlando Magic, Vucevic spiega i motivi della permanenza ed il futuro di Mo Bamba

Nikola Vucevic

Orlando Magic, Vucevic spiega i motivi della permanenza ed il futuro di Mo Bamba

Nonostante fosse uno dei giocatori più ambiti nel corso della free agency 2019, Nikola Vucevic ha scelto di restare agli Orlando Magic. Durante un’intervista concessa a Josh Robbins di The Athletic, il centro montenegrino ha spiegato i motivi che lo hanno spinto ad accettare il contratto quadriennale da 100 milioni di dollari.

“È stato semplice perché Orlando è sempre stata la mia prima scelta. Loro lo sapevano e mi volevano trattenere. Bastava solo farlo funzionare. La mia volontà di rimanere e quella dei Magic ha reso tutto più facile”.

Nikola Vucevic ed il ritorno ai Magic, “Coach Clifford è stato fondamentale”

Uno degli elementi principali che ha favorito la permanenza del ventottenne fra le fila dei Magic è stata senza dubbio la presenza di coach Steve Clifford.

La prima stagione di Clifford sulla panchina della franchigia della Florida ha coinciso anche con il miglior anno di Vucevic dal punto di vista personale. Il giocatore ha ricevuto la convocazione per l’All Star Game di Charlotte, dopo aver collezionato 20.8 punti e 12.0 rimbalzi di media a partita. Grazie alle sue eccellenti prestazioni, gli Orlando Magic hanno preso parte, per la prima volta dal 2012/2013, ai playoffs, dove sono stati eliminati al primo turno per mano dei Toronto Raptors.

“Clifford mi ha aiutato a portare il mio gioco su un altro livello”, ha detto.“Penso che lui e io abbiamo costruito un grande rispetto nella nostra prima stagione insieme, e mi è davvero piaciuto giocare per lui. È stato uno dei motivi principali per cui volevo tornare. Ha avuto un’enorme influenza”.

“Ovviamente, ha dimostrato molte volte di essere un grande allenatore. Ha aiutato molto sia me che la squadra. Ora abbiamo un anno di esperienza insieme, quindi ci conosce e siamo a nostro agio. Penso che la continuità ci aiuterà a crescere ancora di più”, ha aggiunto.

Clifford aiuterà quindi i Magic a migliorare ulteriormente il record di 42-40 della scorsa stagione, conquistato al suo primo anno dopo l’addio agli Charlotte Hornets, che ha allenato dal 2013 al 2018.

Mo Bamba, la stagione del riscatto con l’aiuto di Vucevic

Una delle delusioni maggiori della scorsa stagione in casa Magic è stato senza dubbio Mo Bamba. Il lungo statunitense ha vissuto un anno da rookie al di sotto delle aspettative, dopo essere stato selezionato con la sesta scelta assoluta al draft 2018. A causa di problemi fisici ha giocato solo 47 match.

Vucevic ha rilasciato dichiarazioni anche riguardo il ventunenne, dicendosi convinto del fatto che la propria presenza nel roster di Orlando possa giovare al prodotto di Texas.

“Penso che avere un veterano in squadra possa aiutarti perchè puoi imparare da lui e ti dà il tempo di abituarti alla NBA”, ha detto Nikola Vucevic su Bamba. “Penso che lo aiuterà forse anche mentalmente perché sa che non dovrà accelerare. Avrà tempo per migliorare e per raggiungere il suo potenziale. Sono convinto quindi che andrà tutto per bene per lui. Abbiamo anche una buona relazione e lavoriamo bene insieme. È un ragazzo che vuole imparare e lo aiuterò il più possibile. Magari qualche volta riusciremo a condividere il parquet”.

Lo stesso Bamba si è dichiarato pronto a migliorarsi. Nel corso di un’intervista concessa a John Denton di OrlandoMagic.com, pensa che l’esperienza maturata nel corso del 2018/2019 gli si rivelerà utile già dalla prossima stagione.

“Sto iniziando ad accorgermi di cose che non ho necessariamente visto l’anno scorso o anche durante la stagione. Il gioco è rallentato, e penso che sarà tutto solo più facile con la quantità di spaziatura che c’è nel nostro attacco. Sto davvero cercando di sfruttare ciò per migliorare per il prossimo anno”.

Francesco Schinea
fschinea@gmail.com
No Comments

Post A Comment