Clippers, Paul George non rientrerà prima di novembre
146941
post-template-default,single,single-post,postid-146941,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Clippers: Paul George non rientrerà prima di novembre, straordinari per Kawhi?

paul george

Clippers: Paul George non rientrerà prima di novembre, straordinari per Kawhi?

I Los Angeles Clippers partiranno da favoriti d’obbligo nella Western Conference, dopo la grande estate degli arrivi di Kawhi Leonard e Paul George e dell’avvio della fase finale del progetto-titolo NBA per Steve Ballmer, ambizioso proprietario della squadra.

Di corollario al doppio colpo Leonard-George, la free agency 2019 dei Clippers ha visto la conferma di Patrick Beverley e di due pedine importanti nella seconda parte della scorsa stagione: l’ala Jamychal Green ed il lungo Ivica Zubac. I veterani Moe Harkless e Patrick Patterson supporteranno l’azione di Lou Williams, Montrezl Harrell e dei secondo anno Landry Shamet e Jerome Robinson, garantendo profondità ed esperienza.

Coach Doc Rivers è fresco di adeguamento contrattuale, la struttura degli accordi di Kawhi Leonard e Paul George ha dato ai Clippers una virtuale finestra di due\tre stagioni per tentare di vincere il primo titolo nella storia della franchigia.

“L’anno primo” dell’era Leonard-George inizierà però ad handicap per la squadra: l’ex stella di Indiana Pacers e Oklahoma City Thunder è reduce da un’operazione alla spalla sinistra, necessaria per porre rimedio ad una lesione tendinea che nelle ultime settimane di stagione 2018\19 ha minato la campagna da MVP di George ad OKC. L’ancora convalescente George non potrà prendere parte appieno ai training camp che si apriranno a fine settembre, ed il suo ritorno in campo non è previsto prima di novembre, come riportato da Jovan Buha di The Athletic.

Paul George dovrà dunque inserirsi per gradi in un contesto tecnico del tutto nuovo sia per lui che per il neo compagno Kawhi Leonard. Che nel frattempo, in assenza George, avrà il peso dell’attacco Clippers sulle spalle assieme al collaudato tandem Williams-Harrell. Leonard pretenderà dallo staff dei Clippers la stessa attenzione che quello dei Toronto Raptors prestò lo scorso anno nella gestione dello sforzo e delle energie: pratica che comprenderà riposi programmati ed attenzione al minutaggio del giocatore.

Quanto sarà possibile per Leonard ricorrere alla sua routine in una squadra nuova, che per il primo mese di regular season dovrà inoltre fare a meno della seconda star? A Paul George occorrerà in più del tempo per ritrovare ritmo e fiducia, e per inserirsi in squadra. I Clippers e Rivers hanno l’esperienza necessaria per non lasciarsi intimorire da un’eventuale “falsa partenza”, abbastanza tipica per squadre profondamente rimodellate da una stagione all’altra. Considerando un analogo discorso per i cugini e rivali Los Angeles Lakers, è dunque possibile che squadre più rodate come Denver Nuggets o Portland Trail Blazers possano “uscire forte” dai cancelletti di partenza ad inizio stagione, costringendo i Clippers ad una lunga rincorsa.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment