Austin Rivers su Brooks: “La colpa non è sua, ma di tutti noi”

Austin Rivers su Brooks: “La colpa non è sua, ma di tutti noi”

Austin Rivers su Brooks: la guardia ex Pelicans si è espressa sul momento delicato della sua nuova squadra, i Washington Wizards. In particolare, sulle critiche mosse contro l’allenatore dei Maghi Scoot Brooks, Rivers, un po’ a sorpresa, ha voluto difendere il suo coach, schierandosi dalla sua parte.

L’inizio deludente dei Wizards, aventi un record 1-5 e sconfitti stanotte per 136 a 104 dai Clippers di Gallinari, hanno fatto piovere addosso all’ex allenatore di OKC numerose polemiche.

AUSTIN RIVERS SU BROOKS: LE SUE DICHIARAZIONI

Austin Rivers a colloquio con Scott Brooks

Con l’intento di dissipare tali voci contrarie, il figlio di Doc Rivers, nel post partita, si è schierato a favore del suo allenatore, scaricando al contrario le colpe sui membri del roster capitolino.


La scelta della guardia è stata sicuramente controcorrente, in quanto in pochi, al suo posto, si sarebbero comportati allo stesso modo. La crisi di Washington non sarà, probabilmente, attribuibile soltanto ai giocatori,ma sicuramente gran parte delle colpe di questa situazione sono anche loro.

In particolare, nella partita di stanotte, Wall e compagni hanno concesso ai Clippers il 54,4% dal campo, una cifra assolutamente imperdonabile. Inoltre nelle partite precedenti, i ragazzi di Brooks hanno patito le scorribande di Stephen Curry (autore di 51 punti nel match contro Washington) e ,sopratutto, l’onta della sconfitta contro i derelitti Kings, tra le peggiori squadre NBA.

La stagione era partita tra i migliori auspici, in una Eastern Conference finalmente priva del tiranno LeBron James, ma l’andazzo sembra non essere dei migliori. Se le cose non cambieranno rapidamente l’avventura di Brooks nella capitale americana si esaurirà presto.

 

 

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment