Rondo: “Chris Paul? Orribile compagno di squadra e brutta persona”

Rissa Rondo-Paul

Rissa Paul-Rondo: la diatriba tra i due giocatori sembra ancora non volersi placare. Dopo i vari pareri che si sono susseguiti nei giorni scorsi, anche il play dei Lakers (squalificato per 3 partite) ha voluto dire la sua sull’accaduto, gettando ulteriore benzina sul fuoco delle polemiche.

RISSA PAUL-RONDO: LE DICHIARAZIONI FORTI DELL’EX CELTICS

In particolare, con un’intervista ad ESPN.com, il playmaker ha dapprima dato la sua versione dei fatti sulla vicenda.

Io non cercavo di sputargli in faccia. Basta guardare il video: guardando Melo o Gordon, se io avessi voluto colpire Paul si sarebbero immediatamente voltati, ma non hanno avuto nessuna reazione.

L’ex Pelicans, poi, ha ritenuto troppo clemente la sospensione attribuita a Chris Paul, apostrofando parole pesanti nei confronti del giocatore dei Rockets.

Paul ha un’immagine buona, una reputazione positiva. Per questo motivo l’NBA gli è venuto incontro, mettendosi dalla sua parte. Non sanno che però è un compagno di squadra orribile, una brutta persona, basta guardare cosa ha combinato a Los Angeles l’anno scorso quando ha cercato di raggiungere lo spogliatoio dei Clippers.

Rondo ha, inoltre, aggiunto che la Lega non vuole credere che CP3 sia in grado “di insultare e di schernire gli avversari, provocando delle risse in campo”.

Con il tempo, sicuramente, le cose risulteranno molto più chiare e questo evento finirà lentamente nel dimenticatoio. Ma, per il momento, la vicenda sembra più viva che mai, e le parole della point guard dei Lakers non contribuiranno a stemperare la tensione.

Dopo un’inizio di stagione piuttosto complicato per Los Angeles, al seguito della terza sconfitta stagionale patita contro gli Spurs questa notte, serve un netto cambio di rotta. Di certo l’atteggiamento molto combattivo mostrato dal prodotto di Kentucky non aiuta a dare serenità all’ambiente.