Home Basket femminile Coppa Italia LBF 2024, la preview delle Final Four di Torino

Coppa Italia LBF 2024, la preview delle Final Four di Torino

di Michele Gibin
coppa-italia-femminile-2024-tabellone-preview

Tutto pronto all’Inalpi Arena di Torino per la Final Four LBF il 16 e 18 febbraio, che metteranno in palio la Coppa Italia di Serie A1.

La griglia della Coppa Italia era partita con 12 squadre, rimaste soltanto 4 dopo un doppio turno di qualificazione: si giocano tutto Famila Wuber Schio che campione in carica, Umana Reyer Venezia, Allianz Geas Sesto San Giovanni e Passalacqua Ragusa. Questo il tabellone con gli orari dei match:

Venerdì 16 febbraio 2024

Ore 17:00 – Umana Reyer Venezia (1) vs Allianz Geas Sesto San Giovanni (5)
Ore 19:15 – Famila Wuber Schio (2) vs Passalacqua Ragusa (6)

Domenica 18 febbario 2024

Ore 14:15 FINALE

Tutte le partite saranno visibili in modalità gratuita su DAZN e su LBF TV • FLIMA.TV.

Coppa Italia LBF 2024, la preview

La prima semifinale vede l’Umana Reyer Venezia contro l’Allianz Geas Sesto San Giovanni. Che partita vedremo?

Reyer Umana Venezia-Allianz Geas

Venezia sta dominando il campionato, non solo per punti in classifica: la squadra di coach Mazzon è prima per efficienza offensiva e difensiva (prima in LBF per offensive e defensive rating). Geas ha conquistato una posizione importante dietro le big, con l’aggancio al quarto posto: non solo, anche negli indici statistici la formazione di coach Zanotti si fa apprezzare: è il sesto attacco del torneo per efficacia e la quinta difesa, e addirittura la prima per produzione sul pick and roll con la bloccante (1.28 punti a possesso). Venezia, dal canto suo, nei giochi a due crea parecchio con le palleggiatrici (0.97 punti a possesso, prima). Sarà un partita dai ritmi verosimilmente lenti: entrambe sono nelle ultime tre del campionato per possessi giocati, il Geas 81.3 di media (giocando due overtime) e Geas a 80.8. Importante lo scontro da dietro l’arco: Venezia tira in media 3 volte in più del Geas a partita (22.5 contro 19.2) e con percentuali migliori (36% contro 31%).

La situazione infermeria pare serena per Venezia, con la sola assenza di lungo corso di Mariella Santucci. In casa Geas, dopo i rientri di Dotto e di Begic che hanno saltato gran parte d’inizio stagione, ha destato un po’ di preoccupazione l’assenza prima della sosta di Gina Conti, ma le notizie da Sesto erano già più ottimiste prima della sosta preventivando un pieno recupero in vista di Torino.

Precedenti stagionali – Allianz Geas-Umana Reyer Venezia 57-63 (26/11/2023).

Come si sono qualificate? La Reyer Venezia si è qualificata battendo al secondo turno la RMB Brixia Basket per 75-44. Per l’Allianz Geas doppia vittoria, prima nel derby lombardo contro il Repower Sanga Milano per 81-71, poi un 43-53 sul campo di La Molisana Magnolia Campobasso.

Jessica Shepard è ancora oggi il nome forte per Venezia: in questa stagione sta giocando una pallacanestro se possibile ancora più interessante, combinandosi anche a una delle rivelazioni Reyer, Lorela Cubaj, fresca di rinnovo di contratto con la Reyer.

In casa Geas, Tinara Moore è la star: l’americana sta giocando una stagione fantastica, ha meritatamente vinto il titolo di MVP del mese di gennaio, e nelle ultime quattro gare per tre volte ha segnato più di 20 punti, simbolo di un talento offensivo pazzesco che la rende la miglior scorer del campionato.

Famila Schio-Passalacqua Ragusa

Ragusa ha semplicemente “fatto fuori” la Virtus Bologna al secondo turno in una partita giocata alla perfezione. La qualificazione alle Final Four è stata meritatissima per una squadra che ha vinto 8 delle ultime 12 partite in campionato e che ha perso solo contro le tre grandi: Schio, Venezia e appunto Bologna. Ragusa oggi è quarta per efficienza offensiva, con un 86.5 di defensive rating. “Mani piene” per il Famila Schio, che quest’anno in campionato ha fatto meglio in attacco (seconda) che in difesa (quarta): Schio dovrà tenere soprattutto in uno contro uno, dove le siciliane sono letali (1.02 punti a possesso in isolamento) e segnare con costanza quel tiro da tre che fino a questo momento ha sempre spaccato le partite. Le venete tirano con il 40% da tre, nessuna come loro in campionato.

Schio sta recuperando le sue giocatrici di maggior spessore, come Dorka Juhasz e Julia Reisingerova. Il Famila ha forse avuto meno tempo per lavorare a ranghi completi durante la sosta, con Arella Guirantes impegnata in Cina per le qualificazioni Olimpiche e Dorka Juhasz. L’ungherese non ha strappato il pass olimpico, ed è tornata a Schio lunedì scorso; la giocatrice di origine portoricana invece è rientrata da Xi’an martedì. In casa Ragusa, dopo il recupero di Milazzo, la principale situazione che tiene banco in merito agli infortuni riguarda Ivana Jakubcova, quest’anno impiegata a sprazzi e reduce da 5 assenze (tra NE e mancate convocazioni) nelle ultime 6 giornate.

Come si sono qualificate? Schio si è qualificata vincendo al secondo turno contro la Oxygen Roma Basket per 81-72. Ragusa ha vinto contro la E-Work Faenza per 83-59 e quindi a sorpresa in casa della Virtus Segafredo Bologna per 67-76.

La grande novità per le Final Four è per la prima volta l’impiego dell’instant replay. L’attuazione del sistema seguirà la prassi specificata nel Regolamento Tecnico 2023/2024 della FIP.

La curiosità: la Reyer Venezia indosserà una maglia speciale per le Finali della Coppa Italia 2024 (e per le Final Eight maschili LBA), un omaggio alla Scuola Grande della Misericordia di Venezia. Inaugurato nel 1583, l’imponente edificio del centro storico veneziano divenne, dal 1914, il fulcro dell’attività pedagogica e sportiva della società di ginnastica Costantino Reyer che la rese il tempio dello sport veneziano. La singolare relazione tra la Scuola Grande e la Reyer trovò il suo apice nella pallacanestro, sport entrato in Italia proprio a Venezia nel 1907, che finì per caratterizzare l’identità della società e adattare a sé gli spazi della Misericordia. Il primo piano dell’edificio con il campo da gioco e le sue celebri tribune in legno venne consacrato come uno dei templi del basket, non soltanto perché teatro di epiche sfide ma anche per l’eccezionalità dei suoi spazi.

You may also like

Lascia un commento