fbpx
Home Eurolega Up and Down della quinta giornata di Eurolega

Up and Down della quinta giornata di Eurolega

di Alessandro Minola

Finora la quinta giornata di Eurolega è stata quella più entusiasmante: tre big sono cadute (Real Madrid e Fenerbahçe hanno perso in trasferta, il CSKA addirittura in casa), e anche il Barcellona contro un buon Valencia ha rischiato di perdere l’imbattibilità. Lo scorso anno la contesa per entrare alle Final Eight coinvolse solo cinque-sei squadre, mentre quest’anno sembra che quasi tutti abbiano la possibilità di guadagnarsi un posto per i play-off. La situazione è più fluida che mai, e speriamo che la competizione continui ad essere così ricca di colpi di scena e agonismo fino alla fine.

Up della quinta giornata di Eurolega

Brandon Paul: la guardia giramondo dell’Olympiacos non aveva ancora dimostrato il perché David Blatt, prima di essere esonerato, l’avesse scelto per guidare il reparto esterni della squadra greca. Ieri sera invece a Mosca si è esibito in un’ottima performance: per lui 20 punti, 6 rimbalzi, 3 assist e la giocata più spettacolare della partita (ha praticamente posterizzato l’intera difesa del CSKA, solitamente impenetrabile). Paul ha trascinato la squadra durante la partita, che però è stata definitivamente chiusa dalla tripla dell’eterno Vassilis Spanoulis. In settimana il team ha annunciato due nuovi acquisti, ossia l’esperta guardia Taylor Rochestie e il centro ex-NBA Willis Reed, che andranno a sostituire Wade Baldwin IV e Ethan Happ, visti pochissimo in campo. Che sia la svolta della stagione?

Ousmane Garuba: perché inserire tra gli Up un giocatore di una squadra perdente? Innanzitutto perché questo ragazzo ha solo 17 anni, e quello di ieri sera è stato il suo debutto in Eurolega. Non tutti sono capaci di entrare in campo per la prima volta durante una competizione di altissimo livello e mettere subito a segno 12 punti, 4 rimbalzi, 3 assist e ben 3 stoppate, per di più contro un avversario ostico come il Bayern Monaco. Quindi, dopo aver stabilito il record di rimbalzi per un giovane in ACB, con questa prestazione Garuba si conferma uno dei prospetti più interessanti del panorama cestistico europeo. Il Real Madrid punterà su di lui per tornare alla vittoria dopo tre sconfitte consecutive?

Ax Armani Exchange Milano: quarta vittoria europea consecutiva per la compagine milanese. Finalmente sembra che i giocatori abbiano compreso il sistema di gioco di coach Ettore Messina. La squadra in quasi tutte le partite giocate finora sembra faticare nei primi minuti di gioco, ma poi inizia a salire di giri e prende il controllo della partita. La frase precedente si apre con una parola chiave: SQUADRA. A volte vediamo come le partite siano vinte dal talento dei singoli mentre nel caso dell’Olimpia ciò non si verifica; sono alcune personalità a suonare la carica (in primis gli espertissimi Sergio Rodriguez e Luis Scola), ma poi tutti danno il loro contributo, necessario per giungere alla vittoria. Il salvataggio in tuffo di Riccardo Moraschini è emblematico e rappresenta bene quanto appena scritto.

Down: le prestazioni peggiori

CSKA Mosca: prima sconfitta stagionale per la squadra guidata da coach Dimitris Itoudis; già dalle espressioni del coach greco durante la partita si era capito come sarebbe andata a finire. In attacco non ci sono stati problemi ma la difesa, punto forte del gioco dei russi, ha fatto acqua da tutte le parti; la squadra ha sofferto moltissimo l’assenza di Will Clyburn, la cui stagione è già finita a causa della rottura del crociato. Correranno subito ai ripari andando sul mercato visto le evidenti difficoltà dimostrate?

Quinta giornata di Eurolega: perso Will Clyburn per la rottura del crociato, il CSKA ha subito anche la prima sconfitta

Quinta giornata di Eurolega: perso Will Clyburn per la rottura del crociato, il CSKA ha subito anche la prima sconfitta

Kostas Sloukas: la point-guard greca lo scorso anno è stata spesso in cima alle classifiche per punti e assist, tant’è che in estate si era parlato di un suo possibile arrivo in NBA, oppure di un passaggio al Barcellona dei record. Ieri sera alla voce valutazione accanto al suo nome compare un pessimo -1. In realtà tutta la squadra ha giocato male: 40 totale di valutazione contro 80 (il doppio!) del Maccabi Fox Tel Aviv. Come affermato nella conferenza stampa post-partita dal coach Zeljko Obradovic, negli ultimi sette anni il Fenerbahçe non aveva mai cominciato così male la stagione. Le qualità non mancano e probabilmente il team turco riuscirà a rialzarsi nelle prossime partite, una volta trovata la giusta chimica di squadra.

Zalgiris Kaunas: brutta sconfitta casalinga per la squadra lituana. Dalla Zalgirio Arena, che avrebbe dovuto essere un fortino inespugnabile, escono vincitori i giocatori dello Zenit S. Petroburgo guidati da uno strepitoso Mateusz Ponitka. Il match avrebbe dovuto concludersi già nei tempi regolamentari, dato che lo Zalgiris non è mai stato in partita, ma un errore arbitrale ha mandato la partita all’overtime. Nei supplementari lo Zenit ha continuato a giocare con intensità, mentre per lo Zalgiris l’unico a opporsi ai russi è stato Zach LeDay, autore di una doppia doppia (12 punti+ 10 rimbalzi).

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi