Home Lega Basket AHappy Casa Brindisi Brindisi da sogno: Virtus Bologna KO sotto i colpi di Bayehe

Brindisi da sogno: Virtus Bologna KO sotto i colpi di Bayehe

di Andrea Gordini
L'Happy Casa Brindisi batte la Virtus Bologna con super Bayehe

HAPPY CASA BRINDISI VIRTUS BOLOGNA LBA 83-75 – In una domenica pomeriggio per la quale i tifosi di Brindisi avevano aspettative a dir poco basse, l’Happy Casa conquista la sua prima vittoria in campionato. In Puglia nelle prime 8 partite erano arrivate altrettante sconfitte e oggi al PalaPentassuglia arrivava nientemeno che la Virtus Bologna capolista in campionato e terza in Eurolega, inutile dire chi avesse i favori del pronostico. Eppure, con cuore, grinta e determinazione la squadra di coach Dragan Sakota ha compiuto una vera e propria impresa conquistando i primi due punti del suo campionato. Lato squadra ospite, la sconfitta per quanto inaspettata e difficile da digerire, è probabilmente dovuta (senza togliere i meriti a  Brindisi) all‘impegno in Eurolega di giovedì contro il Fenerbahce: la vittoria contro i turchi ha causato un dispendio delle energie fisiche e mentali molto elevato. 

Per entrambe le compagini a questa partita dovrà seguire una reazione convinta: i pugliesi dovranno sfruttare l’entusiasmo di questa vittoria per cercare di dare una sterzata al proprio campionato e conquistare la salvezza. Bologna invece dovrà incanalare tutta la rabbia  e la frustrazione che conseguiranno a questo K.O. e trasformarle in una dose aggiuntiva di motivazione in vista della trasferta in Baviera di martedì.

Happy Casa Brindisi-Virtus Bologna: l’analisi del match

Brindisi ha giocato una partita rasentante la perfezione, a partire dalle percentuali da tre punti: 14 realizzazioni su 27 tentativi per un 51% complessivo al quale pure la capolista si è dovuta arrendere. Altro dato che sottolinea la grandezza di questa prestazione sono i 20 assist di squadra, 7 in più della media stagionale.

Se si parla di singoli sono stati molti i protagonisti di questa vittoria e tutti i 6 giocatori ruotati da Sakota hanno avuto un impatto positivo sulla gara. Coloro che più si sono presi la scena sono stati Jordan Bayehe (25 punti, 10 rimbalzi e rebus irrisolvibile persino per Shengelia) e Jeremy Senglin (22 punti e un contributo fondamentale in regia con 7 assist). Nella metà campo difensiva invece a prendersi la scena sono stati Sneed ( che soprattutto nel primo tempo ha dato un importante contributo anche in attacco chiudendo alla fine con 12 punti), in grado di marcare praticamente tutti gli esterni avversari e un Nate Laszewski che ha annullato completamente l’ala grande più in forma di tutta Europa: solo 13 per Shengelia, con 4/ 9dal campo e ben 5 palle perse.

Per quanto riguarda la Virtus, si deve dire tutto il contrario rispetto a quanto fatto per L’Happy Casa. Gli assist oggi sono stati solamente 12, 9 in meno rispetto alle medie stagionali e inoltre hanno tirato con un 48% da 2 punti, molto inferiore al 60% a cui viaggiano normalmente. In una serata come questa è difficile trovare note positive ma, oltre alle uniche due prestazioni individuabili che si possono salvare, quelle di Lundberg (14 punti) e Abass (11), bisogna citare il raggiungimento del traguardo dei 3000 punti in serie A per Marco Belinelli, davvero impressionante se si pensa che la maggior parte della sua enorme carriera la ha spesa oltreoceano. Una pietra miliare, questa, che consolida ancora di più il suo status di leggenda nell’ambito della pallacenstro azzurra qualora ce ne fosse ancora bisogno.

Il tabellino del match

Parziali singoli quarti: 24-13; 16-26; 30-18; 13-18

Parziali progressivi: 24-13; 40-39; 70-57; 83-75

Happy Casa Brindisi: Morris 6, Sneed 12, Laszewski 10, Bayehe 25, Senglin 22, Kyzlink 8. Coach: Sakota

Virtus Segafredo Bologna: Lundberg 14, Belinelli 11, Pajola 2, Smith 3, Dobric 3, Mascolo, Cacok 1, Shengelia 15, Hackett 11, Dunston 4, Abass 11.  Coach: Banchi

You may also like

Lascia un commento