fbpx
Home Lega Basket AAcqua S.Bernardo Cantù Cinelandia Cantù-Germani Brescia: il recap del match

Cinelandia Cantù-Germani Brescia: il recap del match

di Giovanni Bettini

­Domenica 29 dicembre sono scese in campo per la sedicesima giornata di LBA l’Acqua S.Bernardo Cantù e la Germani Brescia al PalaBanco di Desio. I bresciani conquistano una vittoria importante per confermarsi ai vertici della massima serie italiana, mettendo un passo nelle final 8 di Pesaro del 2020.

Cantù-Brescia, il recap della partita

Nel primo quarto Cantù parte subito forte: Wes Clark spara a ripetizione da oltre l’arco, procurandosi addirittura una giocata da 4 punti. Quando l’acqua San Bernardo sembra scappare, è Awudu Abass, top scorer di Brescia con 20 punti, a tenere a galla la Germani, schiacciando e segnando da tre punti, servito bene da Luca Vitali, autore di 7 assist.

Nel secondo quarto Cantù riesce ancora ad imporsi sulla Germani Brescia, arrivando ad accumulare un vantaggio di 8 punti, ma questa volta è David Moss, in uscita dalla panchina, a riportare a contatto Brescia prima, e poi Angelo Warner dopo, a dare il primo vantaggio della sfida ai bresciani. Subentrato dalla panchina, anche Brian Sacchetti dà il via alla fuga della Germani Brescia con una tripla da oltre 7 metri.

Nel terzo quarto Brescia entra in ritmo e inizia finalmente ad ingranare. La squadra di coach Esposito mette a referto 32 punti nel solo periodo, prendendo delle notevoli distanze dalla San Bernardo. Mettono la propria firma Ojar Silins, neo acquisto di Brescia, Andrea Zerini (6 punti), Tyler Cain (8 punti e 7 rimbalzi) e Angelo Warner (6 punti in appena 11 minuti) su tutti. La sfida continua in favore della Germani Brescia, anche se a metà quarto periodo Cantù sembra voler cambiare le sorti quasi già scritte dell’incontro. Joe Ragland e Andrea Pecchia, coadiuvati da un ottimo cast di supporto, tra i quali Burnell, aprono la partita arrivando fino al -5, con pochi minuti alla sirena finale.

Ancora una volta Brescia non tarda a farsi sentire e, grazie alla schiacciata finale del suo leader indiscusso Awudu Abass, pone fine a una Cantù mai doma.

Top e Flop della partita

Acqua San Bernardo-Cinelandia Cantù

– Top, Wes Clark: l’americano spara a ripetizione da oltre l’arco dimostrandosi un ottimo scorer. Per lui alla sirena finale sono 23 i punti, miglior realizzatore di tutto il match.

Joe Ragland, Andrea Pecchia: i due esterni non incidono nei primi quarti ma quando è il momento di mostrare le proprie doti, difendono con aggressività e segnano in contropiede, ricucendo il grande svantaggio accumulato dalla loro squadra nel terzo quarto.

– Flop, Kevarrius Hayes: l’ala di Cantù gioca molto ma è limitato dai troppi falli commessi. In 32 minuti riesce a totalizzare 11 punti e catturare 6 rimbalzi, senza però incidere come dovrebbe.

Germani Brescia

– Top, Andrea Zerini e Brian Sacchetti: presenti quando chiamati in causa, il primo difende con tenacia facendo la voce grossa nel pitturato bresciano. Il figlio di Meo, invece, conclude la gara con una prestazione a tutto tondo: 8 punti, 6 rimbalzi e 5 assist; qualche limite in difesa, ma una intelligenza cestistica elevatissima e un tiro dai 6 e 75 più che affidabile.

– Top, David Moss: nonostante i suoi 36 anni, l’esterno di Chicago segna 10 punti in uscita dalla panchina, e usa tutta la sua esperienza e scaltrezza in difesa sporcando le giocate offensive di Cantù.

– MVP, Awudu Abass: l’ala italiana, dopo una stagione d’assestamento lo scorso anno non troppo brillante, sta mostrando tutto il suo valore. Il tabellino finale recita 20 punti e 8 rimbalzi; la sua è la schiacciata finale che consegna il successo a Brescia.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi