fbpx
Home Lega Basket A OriOra Pistoia-Reyer Venezia: preview del match

OriOra Pistoia-Reyer Venezia: preview del match

di Daniele Morbio

Undicesima giornata di Lega Basket Serie A al via nel fine settimana, con la sfida tra OriOra PistoiaReyer Venezia a caratterizzare il pomeriggio domenicale. Un match sulla carta scontato, troppa la differenza di qualità, di profondità di roster e di stazza in favore del team Campione d’Italia: la sfida in programma alle 17.30 al PalaCarrara è il classico Davide contro Golia, con la squadra di casa che cercherà un’impresa che avrebbe del clamoroso contro la compagine oro-granata.

OriOra Pistoia-Reyer Venezia: le chiavi della sfida

La difesa: Venezia ha la seconda miglior difesa dell’intera lega, Pistoia ha la seconda peggior difesa dietro a Pesaro. Si dovrebbe decidere principalmente su questo il risultato del match, con Venezia che subisce 71 punti di media contro gli 83 dei biancorossi. La Reyer nelle ultime settimane è salita di tono in difesa, ora serve una prova solida per 40′ anche in trasferta sotto questo punto di vista.

La profondità di roster: Venezia ha nel proprio organico 12 giocatori di assoluto livello e può ruotarne tranquillamente almeno 11 di questi, Pistoia dalla panchina fa uscire invece poche frecce. Due roster totalmente diversi, per obiettivi diversi: Venezia mira a confermarsi in Italia e a fare strada in Europa (lo dimostra il passaggio già ottenuto alle Top16 di Eurocup), Pistoia proverà a salvarsi di nuovo. Sconcertante per esempio il dato dei punti in uscita dalla panchina della Reyer domenica scorsa contro la Dolomiti Energia Trento:  46-2. Un dato lampante, che dimostra l’affidabilità di tutti gli interpreti a disposizione di coach Walter De Raffaele.

• Stazza e qualità: un confronto impari anche ed ovviamente sotto questi punti di vista, con Venezia che può contare su tanti giocatori di stazza e in media ben più “grossi” di quelli a disposizione del coach pistoiese Michele Carrea. Per citarne alcuni: Venezia ha a disposizione tra gli esterni giocatori del calibro di Julyan Stone (playmaker all around di quasi due metri e in grado di andare forte a rimbalzo), Michael Bramos (micidiale tiratore in uscita dai blocchi e buonissimo rimbalzista), Jeremy Chappell (guardia/ala di fisico, ottimo difensore, buon rimbalzista e bravo nel gioco spalle a canestro) e Austin Daye (ala di 211 cm che sicuramente non necessita di presentazioni, giocatore abbacinante nei movimenti in post e ottimo rimbalzista nonostante sia piuttosto esile). Tra i centri (o gli interni) invece il coach lagunare può contare su Mitchell Watt (centro atletico con una mano mancina di livello superiore e con un gran gioco in post, anche lui ottimo rimbalzista), Gasper Vidmar (lo sloveno è il classico centro vecchio stampo: fisico possente, grandi aiuti difensivi e impossibile da spostare quando riceve palla sotto al ferro) e sul ritrovato Ike Udanoh (ala forte molto rapida e dal grandissimo atletismo, abile nel gioco in post e buonissimo rimbalzista). Insomma, i giocatori più “stazzati” della squadra toscana (Zabian Dowdell, Carl Wheatle, Justin Johnson e Angus Brandt) saranno chiamati ad un lavoro incredibile per non crollare contro i pari ruolo veneziani. La prova è data dal numero di rimbalzi delle due squadre, ad uscita: Venezia più di 40, Pistoia 35.

Pronostico, precedenti e stato di forma

Venezia si presenta a Pistoia a caccia del primo successo esterno in Lega Basket Serie A ma con uno stato di salute positivo dopo le ultime vittorie contro il Tofas Bursa (Eurocup), Trento (campionato) e con una settimana di allenamenti intera, senza viaggi o partite di coppa da giocare. Un dettaglio da non trascurare, visto che la squadra tricolore ha così potuto sistemare meglio i dettagli in vista degli impegni futuri.

Pistoia arriva al match OriOra Pistoia-Reyer Venezia, sulla carta proibitivo, da un KO pesantissimo a Brindisi (100 a 67 il finale), ma con due successi consecutivi tra le mura amiche contro Trieste e Cantù: la squadra di coach Carrea proverà quantomeno a rendere difficile la vita ai pluricampioni della Reyer Venezia.

Pistoia al completo, Venezia coi soliti dubbi legati a Stefano Tonut e Gasper Vidmar: la guardia triestina dovrebbe aver recuperato dal problema al polpaccio, mentre il gigante sloveno rischia di finire in tribuna per via di un ginocchio non al meglio. La decisione sarà verosimilmente presa la domenica stessa, a ridosso del match.

I precedenti vedono una vittoria per parte al PalaCarrara nelle ultime due stagioni: Reyer vincente in maniera nettissima nella scorsa stagione, due anni fa invece la OriOra di coach Vincenzo Esposito batté i campioni d’Italia grazie ai 29 punti dell’ex Tyrus McGee. Unico ex della sfida è il play Ariel Filloy: la guardia della Reyer torna nella città che lo ha coccolato e amato, dandogli la fascia da capitano. Ultima di Filloy in maglia Reyer a Pistoia? Marzo 2017, successo veneziano grazie ai 20 punti dell’italo-argentino: a Pistoia si faranno gli scongiuri…

Il nostro pronostico vede la Reyer Venezia nettamente favorita sull’OriOra Pistoia: Pistoia 30% Venezia 70%.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi