Dikembe Mutombo gridò per 31 volte "NOT IN MY HOUSE!
50113
post-template-default,single,single-post,postid-50113,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

NBA Throwback Time: quando Dikembe Mutombo gridò per 31 volte “NOT IN MY HOUSE!” (VIDEO)

Dikembe_Mutombo_ ex Houston Rockets

NBA Throwback Time: quando Dikembe Mutombo gridò per 31 volte “NOT IN MY HOUSE!” (VIDEO)

Per tutto l’arco della sua carriera ha respinto gli attacchi avversari al celeberrimo grido di “Not in my house!”, rifilando stoppate a destra e manca che col tempo sono diventate il suo inconfondibile marchio di fabbrica: eh si, Dikembe Mutombo è sicuramente stato uno dei giocatori difensivi più bravi di sempre.

Di ruolo centro, il nativo di Kinshasa è stato per tutti un ostacolo difficile da sormontare per arrivare a canestro, coi suoi 218 cm di altezza che ne hanno agevolato il lavoro di rim protector: in tal senso vanta ben quattro titoli di miglior difensore dell’anno e soprattutto il secondo posto nella classifica all time delle stoppate messe a segno ( circa 3.289) dietro al solo Hakeem Olajuwon. Nella lega ha militato per 18 anni, spesi con Denver Nuggets, Atlanta Hawks, Philadelphia Sixers, New Jersey Nets, New York Knicks e Houston Rockets. E proprio una delle sue ex squadre, gli Hawks, lo omaggeranno ritirando la storica casacca numero 55 in occasione dell’intervallo della gara contro i Boston Celtics. Alla cerimonia (come riportato dall’ ‘Atlanta Journal-Constitution’) presenzieranno il commissioner Adam Silver, il sindaco di Atlanta Kasim Reed, l’owner della franchigia Tony Ressler e il vecchio compagno di team Steve Smith.

Tra le imprese di Mutombo la più memorabile rimane quella che lo ha visto protagonista ai playoff 1994, dove i suoi Nuggets (che si erano classificati ottavi nella Western Conference)  affrontarono i Seattle Supersonics (primi in regular season). Nella serie terminata 3-2 per Denver il classe 1966 riuscì a stoppare per ben 31 volte gli avversari in 5 partite, regalando ai suoi uno degli upset più clamorosi della storia della NBA. Dopo la battaglia Mutombo si accasciò a terra piangendo, regalando uno dei momenti più emozionanti mai visti in postseason. 

Daniele Maggio
daniele99maggio@gmail.com

Giornalista pubblicista dal 2016. Editor di NBAPassion.com per quanto riguarda la sezione approfondimenti, tratta della lega di basket più famosa al mondo in tutte le sue salse. Si occupa di calcio come corrispondente della Gazzetta dello Sport seguendo la Virtus Francavilla, formazione del girone C della Serie C.

No Comments

Post A Comment