DeMarcus Cousins free agency amara, Woj: "Non c'è mercato per lui"
143067
post-template-default,single,single-post,postid-143067,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

DeMarcus Cousins free agency amara, Woj: “Non c’è mercato per lui”

demarcus cousins free agency

DeMarcus Cousins free agency amara, Woj: “Non c’è mercato per lui”

Mercato tiepido per DeMarcus Cousins, uno degli ultimi nomi di rilievo rimasti a 48 ore dall’apertura della free agency 2019.

Come riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN, per il lungo ex Sacramento Kings e New Orleans Pelicans, e che ha disputato l’ultima stagione in maglia Golden State Warriors, non sarebbero arrivate offerte di alcun tipo, nemmeno da parte di squadre disposte a spendere la propria mid-level excecption: “Non c’è mercato per lui. Cousins era convinto che una squadra con ambizioni e spazio salariale potesse farsi avanti, per una cifra attorno ai 12 o 15 milioni e magari per un anno solo. Non è stato così“.

I recenti infortuni cui il 4 volte All-Star è stato soggetto hanno evidentemente scoraggiato possibili pretendenti dal proporsi. Tanti tra i pariruolo di DeMarcus Cousins hanno già trovato nuova sistemazione o un nuovo contratto con le squadre di provenienza (lunghi come Jonas Valanciunas, Al Horford, Enes Kanter, Julius Randle o Bobby Portis, per citare alcuni nomi), mentre per “Boogie” pare profilarsi una seconda estate da ripiego in un mercato competitivo.

12 mesi fa, i New Orleans Pelicans offrirono a Cousins – ancora convalescente dopo l’infortunio del gennaio 2018 – un ricco biennale da 40 milioni di dollari (che prevedeva con ogni probabilità una team option o tutele particolari a vantaggio della squadra), contratto che l’ex Kings rifiutò per accordarsi con i Golden State Warriors.

DeMarcus Cousins, free agency fin qui amara

Oggi la situazione pare la stessa di allora. Il 28enne prodotto di Kentucky ha disputato 30 buone partite in maglia Warriors durante la stagione 2018\19, prima che un infortunio muscolare ponesse di fatto fine alla sua post-season – la prima in carriera – dopo una sola gara.

Il DeMarcus Cousins apparso nelle finali NBA, generoso ma fuori forma, è stato lontano parente persino del “Boogie” efficace osservato in regular season.

Poche ore dopo l’amaro finale di stagione dei Golden State Warriors, coach Steve Kerr aveva espresso la speranza di rivedere Cousins di nuovo in squadra, tacitamente anticipando la difficile situazione che l’ex Pelicans avrebbe incontrato in un mercato ricco di alternative sotto canestro per le tante squadre in cerca di rinforzi: “Cousins? Credo che potremo avere una chance (di trattenerlo a Golden State, ndr). Speriamo ovviamente per lui che possa andare a guadagnare più soldi altrove, ma chi lo sa? Ogni anno è diverso, quest’estate ci saranno tante squadre con tanto spazio salariale e soldi da spendere (…) Ciò che posso dire è che c’è un futuro in questa squadra per DeMarcus Cousins, se deciderà di rimanere“.

 

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment