"Kawhi or die": lo slogan dei tifosi Raptors per convincere Leonard
120312
post-template-default,single,single-post,postid-120312,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

“Kawhi or die”: lo slogan dei tifosi Raptors per convincere Leonard a restare in Canada

“Kawhi or die”: lo slogan dei tifosi Raptors per convincere Leonard a restare in Canada

“Kawhi or die”, è questo il nome della nuova campagna dei tifosi dei Raptors per cercare di convincere Leonard a rimanere a Toronto.

Un gruppo di sostenitori della franchigia canadese ha lanciato un sito web con questo nome con l’obiettivo di provare a mantenere la superstar, arrivata dai San Antonio Spurs, nel roster per questa stagione.

“Kawhi or die”: lettera a Leonard

“Prima di tutto è una grande opportunità per noi come fan di dare il benvenuto a Kawhi nella nostra bellissima città. Questo è anche un modo per esprimere il nostro entusiasmo nei confronti dei nostri Raptors, per la città di Toronto e per l’incredibile paese dove viviamo, il Canada”, si legge nell’introduzione del sito “Kawhi or die”.

La lettera poi continua: “Da un punto di vista personale vogliamo evidenziare come sarebbe un enorme vantaggio per Leonard essere una megastar per l’unico team NBA del Canada. Il più grande stato americano con squadre di basket è il Texas che però ha 3 franchigie a spartirsi il territorio (Spurs, Mavericks e Rockets, ndr). In confronto il nostro paese è circa 23 volte più grande del Texas ed è tutto figlio dei Raptors. Vince Carter e Steve Nash fanno parte della nostra cultura e c’è l’opportunità per Kawhi di essere il più grande giocatore di pallacanestro in un paese di oltre 36 milioni di persone che lo farebbe diventare un’icona del basket senza l’atmosfera tipica dei paparazzi della vita quotidiana americana”.

Ricordiamo che lo scambio tra Spurs e Raptors non coinvolse soltanto Leonard ma anche DeMar DeRozan e che l’ex giocatore di San Antonio non fu affatto contento della nuova destinazione a tal punto da pensare ad un immediato addio. Ora le acque sembrano essersi calmate e, grazie anche a questa iniziativa, Kawhi potrebbe anche fare dietrofront e rimanere in Canda.

Andrea Notari
notus90@hotmail.it

Andrea Notari, redattore per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment