Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBrooklyn Nets Free agency 2021, Dinwiddie: “Probabilmente rifiuterò la player option”

Free agency 2021, Dinwiddie: “Probabilmente rifiuterò la player option”

di Francesco Schinea
spencer dinwiddie wizards

Con i playoffs ormai alle porte si avvicina inesorabilmente anche la free agency 2021, che avrà in Spencer Dinwiddie dei Brooklyn Nets uno dei suoi principali protagonisti. Il giocatore ha infatti dichiarato in un’intervista concessa a Shlomo Sprung di Forbes di essere pronto a rinunciare alla player option presente sul suo contratto per sondare il mercato.

“Sarò più che sano quando inizierà la free agency, quindi solo dal punto di vista dei dollari devo farlo (rifiutare l’opzione giocatore, ndr), “ha affermato Dinwiddie, attualmente alle prese con il recupero dalla rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. “12 milioni sono il valore di mercato di una point-guard titolare, è la metà di 20-25 milioni quindi ovviamente è abbastanza concreta la possibilità che uscirò dal contratto”.

Come sottolineato dal diretto interessato, i 12.3 milioni previsti per il 2021/22 sono effettivamente pochi per un giocatore del suo livello. Va tuttavia sottolineato come Dinwiddie non metta piede in campo dallo scorso 28 dicembre, anche se dovrebbe essere totalmente recuperato per la prossima stagione.

Resta dunque da capire quanto le franchigie saranno disposte ad investire nella free agency 2021 su Spencer Dinwiddie, in una free agency comunque non molto ricca di talento, visto che anche Kawhi Leonard potrebbe restare ai Clippers. Nel frattempo Dinwiddie non esclude però la possibilità di rifirmare con i Brooklyn Nets.

“Se Brooklyn vorrà usare i miei diritti Bird per firmarmi sarei grato di poter tornare per provare a vincere, si spera, un secondo titolo. Se non sarà così, come unrestricted free agent potrei scegliere la destinazione che voglio. Si tratta di una situazione interessante in cui trovarsi”.

La scorsa stagione l’ex Detroit Pistons ha realizzato 20.6 punti e 6.8 assist di media a partita, cifre che ne sottolineano il grande valore nel sistema Nets (quando ero ancora privo però del trio composto da Kevin Durant, James Harden e Kyrie Irving).

You may also like

Lascia un commento