Around the Garden: Primi segnali di rinascita per i Boston Celtics
126271
post-template-default,single,single-post,postid-126271,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Around the Garden: Primi segnali di rinascita per i Boston Celtics

boston celtics-Boston Celtics

Around the Garden: Primi segnali di rinascita per i Boston Celtics

Toccato il fondo ci può essere solo la risalita, potrebbe essere la massima che ha risollevato le sorti della stagione dei Boston Celtics che sembrava un calvario senza fine. La fine sembra essere stata trovata da Stevens in un cambio di formazione che ha portato i due Marcus, Smart e Morris,in quintetto a discapito di Gordon Hayward e Jaylen Brown.
Il primo tra le altre cose sembra aver beneficiato delle nuova condizione e dopo una partita un po’ così per prendere le misure, è esploso nella sua più bella prestazione di sempre con i colori dei Celtics in quel di Minneapolis. Brown invece a causa di una brutta botta presa nel finale della sfida di Dallas ha saltato tutte e tre le partite di questa settimana e ancora non si sa se verrà utilizzato nel quintetto oppure sarà provato anche lui dalla panchina.
Il risultato del cambiamento è stato evidente da subito,quintetto più solido e pronto a dare battaglia dai primi minuti senza costringere la squadra a perenni e faticose rincorse.
Oltre ai risultati, 3 vittorie su 3 partire, la sensazione è stata subito supportata dai numeri: 123.3 punti a partita contro i 113 di media precedenti.
Tutte le percentuali sono in notevole salita dalla quella al tiro 50% (+5),dalla distanza 46% (+10) agli assist 30 a partita (+5).
Squadra sulla via della guarigione ma resta vivo ancora un problema,la difficoltà della squadra di produrre offense quando Kyrie siede in panchina.
I Celtics con lui in campo hanno un offensive rating 119.5 che scende grammaticalmente a 96 con lui a riposo.
L’aver portato Hayward in panchina ha migliorato lievemente la cosa ma non ancora abbastanza,nelle ultime 3 partite la squadra con il n20 in campo ha fatto registrare un discreto 106.5 e la speranza è che con Brown possa migliorare ulteriormente,apportando anche una lieve miglioria al difensive rating della BWA che ha subito qualche piccolo contraccolpo dopo lo spostamento di Smart tra i titolari. 7
Ora sotto sino a Natale con una serie di partite alla portata di questa squadra per testare e consolidare questa nuova tendenza.
Il futuro prossimo dei Boston Celtics è appena iniziato e c’è tempo per recuperare ma nel frattempo la sopra Toronto,Milwaukee e Philadelphia non sembrano aver voglia di aspettare….mentre il gruppo unito sembra apprezzare il nuovo corso che porta ad azioni come questa: la

Game #21 Boston Celtics @ New Orleans Pelicans 124-107

Marcus Smart (40 minuti in campo) promosso tra gli starting 5 al posto dell’infortunato Brown è la chiave di un successo netto e conquistato mettendo subito in chiaro le cose.
Difesa attenta che forza 22 turnovers,attacco del pitturato per mettere in difficoltà Davis con Horford (20 pts) subito aggressivo e spaziature perfette in attacco con un ottimo 19/39 dalla distanza che risulta la chiave per sbancare il difficile campo di Nola.
Bene Irving con 26/10 nonostante troppe palle perse 6,molto preciso Tatum con 21 pts e sempre decisivo Marcus Morris con 19 pts.
Male Hayward con solo 23 minuti 5 pts,4ast,4rbs ma anche 3 turnovers che a fine partita viene spronato da Kyrie ad essere più egoista e aggressivo:

Game #22 Boston Celtics vs Cleveland Cavaliers 128-95

Confermati Smart e Morris nel quintetto che vede la presenza di Baynes al posto di Horford tenuto a riposo in vista del back to back ne nasce la vittoria più netta della stagione contro i vecchi rivali dell’Ohio.
Dopo il solito inizio un po’ troppo morbido tipico di questa versione dei C’s al Garden,in partite con poco appeal,Irving e Morris accelerano alla fine del primo tempo e da lì in avanti non c’è più partita.
Il nuovo quintetto conferma le buone cose mostrate nonostante mancasse Horford ben sostituito da Baynes (10/9).
Kyrie 29 punti con 11/15 al tiro porta a scuola Sexton che lo aveva stuzzicato.
Ancora bene Marcus Morris con 15 punti e Jayson Tatum con 13.
Nel quarto finale ampi spazi a “Time Lord” al secolo Robert Williams che In 7 minuti mette a referto 2 punti 2 rimbalzi e 2 stoppate che restano il suo marchio di fabbrica.

Un post condiviso da Boston Celtics (@celtics) in data:

Game #19 Boston Celtics @ Minnesota T’Wolves 118-109

Un back to back complicato dal lungo viaggio di 4 ore per raggiungere Minneapolis non frena i Celtics che colgono la 3 vittoria consecutiva e giocano una delle partite più convincenti della stagione.
Confermato il nuovo starting five la notizia più lieta della sera è però Gordon Hayward che in uscita dal pino fa segnare la partita più prolifica in maglia Celtics con 30 punti ( 8/16 al tiro e 4/5 dalla lunga distanza),9 rimbalzi,8 assist e 2 palle rubate in 29 minuti di autentico dominio.
Senza il suo apporto difficilmente i Celtics avrebbero portato a casa una partita complicata contro un avversario in serie positiva da 4 partite.
Alla fine Gordon viene festeggiato dai compagni che hanno finalmente visto la faccia del vero Hayward.

Un post condiviso da Boston Celtics (@celtics) in data:

Nicola Bogani
nicolabogani@gmail.com

Seguo i Celtics dal 2012 per CelticNation.com.Creatore del gruppo Facebook “Celtic Nation Italia 🇮🇹“, mi trovate anche su Twitter @NicolaBogani ....

No Comments

Post A Comment