fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBrooklyn Nets Nets ancora attivi sul mercato, vicina la firma di Lance Thomas

Nets ancora attivi sul mercato, vicina la firma di Lance Thomas

di Bucci Lorenzo

I movimenti in casa Brooklyn Nets continuano: dopo l’arrivo di Jamal Crawford, Michael Beasley e Donta Hall, la squadra della grande mela sta per firmare anche Lance Thomas. Il 32enne aveva partecipato al training camp prima dell’inizio della stagione, ma i Nets non gli hanno offerto nessun contratto.

Contratto che nessuna squadra NBA ha offerto a Thomas, che non ha giocato durante questa stagione. Il giocatore può comunque vantare una discreta esperienza in NBA, in cui ha giocato per ben 8 anni in diverse franchigie (Charlotte Hornets, New Orleans Pelicans, Oklahoma City Thunder e New York Knicks). Il nativo di Brooklyn ha sempre avuto poco spazio, mettendo comunque su numeri di tutto rispetto: 5.2 punti e 2.6 rimbalzi in 392 gare disputate.

Lance Thomas è l’ultimo colpo in casa Nets?

Ma il motivo per cui i Nets stanno per firmare Lance Thomas è la questione Orlando: tra infortuni e giocatori che non hanno dato la loro disponibilità per giocare nella bolla, sono 7 i giocatori di cui deve fare a meno Brooklyn. Oltre agli infortunati Kevin Durante, Kyrie Irving e Nicolas Claxton, sono ben 4 i giocatori che si sono rifiutati di giocare nel Walt Disney World Resort di Orlando. Stiamo parlando di Spencer Dinwiddie, DeAndre Jordan, Taurean Prince e Wilson Chandler.

Si era parlato molto anche di Justin Anderson, che sembrava essere lui il quarto ed ultimo colpo. Non è ancora chiaro però se il giocatore che ha indossato la maglia dei Long Island Nets, squadra della G-league, possa ancora diventare un giocatore dei Nets per questo finale di stagione. Tutto dipende dai membri della squadra, nel caso in cui qualcun’altro dovesse rinunciare alla bolla di Orlando.

I giocatori infatti hanno la libertà di scegliere se giocare o meno, soprattutto per una squadra che non chiede niente a questa stagione come i Nets. Gli uomini di coach Jacque Vaughn quindi possono sentirsi ancora più “liberi” di prendere una decisione di questo genere.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi