fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationApprofondimenti Grizzlies: l’assenza di Gasol si fa pesante

Grizzlies: l’assenza di Gasol si fa pesante

di Davide Bomben

I Memphis Grizzlies per la prima volta in stagione sono dovuti partire per il freddo nord, andando a trovare in casa i Toronto Raptors. L’head coach Dave Joerger, per la partita di questa notte, ha potuto finalmente avere a disposizione Lance Stephenson, Chris Anderson e P.J. Hairston. L’ex Indiana Pacers ha avuto un buon impatto, con 16 punti e 2 assist. D’altro canto Hairston ha avuto molti minuti a disposizione, 16, segnando solo 2 punti con un 1 su 5 al tiro.

Lance Stephenson

Lance Stephenson

Nel primo quarto Zach Randolph ha voluto spingere forte sull’acceleratore aiutato anche dal sempre eterno Vince Carter autore di 13 punti prima della pausa lunga. Purtroppo per loro Cory Joseph a fine del primo quarto è riuscito a piazzare un Buzzer Beater da dietro l’arco, portando i Toronto Raptors a + 2. Seppur i Grizzlies nella partita si sono ritrovati spesso con distacchi in doppia cifra da dover recuperare, alcune note positive le si possono ritrovare in Stephenson. Come sottolineato da Grace Baker, di grizzlybearblues.com, l’ex Charlotte Hornets sembrava che si trovasse a suo agio nel sistema di gioco di Joerger con l’impressione che avrà a disposizione sempre più minuti se riuscirà a mantenere tali aspettative.

L’assenza di Marc Gasol si è fatta notare in difesa, dove 9 sono stati i rimbalzi offensivi catturati dai Raptors, che hanno concesso la vittoria ai canadesi per 93 – 85. Tutto sommato i Grizzlies hanno combattuto duramente per tutta la partita, ma semplicemente tutto ciò non è bastato per agguantare la vittoria. Complice anche un 36.8% dal campo, contro il 40.7% dei canadesi, i ragazzi di Joerger non sono mai riusciti ad imporre il loro gioco con Chris Andersen, voluto per sostituire Gasol, che appare ancora lontano dal potersi inserire negli schemi di gioco. Per loro fortuna non dovranno disputare altre partite fino a mercoledì notte, quando dovranno affrontare i Los Angeles Laker, così da aver maggior tempo per inserire in nuovi acquisti nel sistema di gioco guidato da Randolph.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi