fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationMercato NBA, ultime notizie su scambi e trattative Bucks, si inizia a lavorare sul mercato: Eric Bledsoe già verso l’addio

Bucks, si inizia a lavorare sul mercato: Eric Bledsoe già verso l’addio

di Lorenzo Brancati

Dopo la cocente eliminazione dai playoffs 2020, il mercato dei Milwaukee Bucks è inevitabilmente già pronto ad entrare nel vivo e il primo nome caldo è quello di Eric Bledsoe. Se anche la figura di Coach Mike Budenholzer sembrava pronta a salire al banco degli imputati, questo occuperebbe invece una posizione meno scomoda.

Come riportato da Shams Charania, per TheAthletic.com, sembra che i Bucks siano interessati ad acquisire un playmaker naturale e più tiratori di cui circondare Giannis Antetokounmpo. E Bledsoe sembrerebbe il candidato principale a diventare merce di scambio. Al netto anche delle deludenti prove offerte nei momenti caldi dei playoffs 2019 e 2020.

Bledsoe ai Bucks, un’idea mai davvero sbocciata

Arrivato nel 2018 per dare manforte ad una squadra allora ancora giovane, l’ex Phoenix Suns non è mai riuscito a fare quello scatto richiesto durante la post-season. Se per la stagione regolare si è sempre imposto come un pezzo efficace del ben oliato sistema Bucks, con medie da 14.9 punti, 5.4 assist e percentuali da 47% dal campo e e 34% da tre per il 2019/2020, i suoi numeri hanno sempre teso a calare. In questi playoffs 11.7 punti, 5.9 assist, il 38% dal campo e il 25% da tre, coronati da una gara 5 contro i Miami Heat da 9 punti e dal 16.7% dal campo. Non può essere abbastanza.

Sebbene sia stato nominato nel secondo miglior quintetto Difensivo per la stagione appena passata, Bledsoe ha dimostrato più che altro di non essere l’uomo ideale da affiancare a Giannis. I Bucks cercheranno probabilmente una point-guard che sia maggiormente in grado di creare giocate per i suoi compagni, e che soprattutto sia più affidabile sul tiro dall’arco. Scambiarlo direttamente per ottenere un giocatore che risponda a tale profilo potrebbe essere difficile, ma liberarsi del suo contratto da 70 milioni totali in scadenza nel 2023 potrebbe dare ai Bucks margini di manovra durante la free-agency.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi