fbpx
Home NBA Playoffs Toronto Raptors campioni NBA 2019: una vera e propria impresa

Toronto Raptors campioni NBA 2019: una vera e propria impresa

di Andrea de Rose

I Toronto Raptors sono i campioni NBA del 2019. Un ‘impresa tutt’altro che pronosticabile ad inizio stagione: lo scambio molto discusso che ha portato DeMar DeRozan in maglia Spurs e Kawhi Leonard a Toronto, e la decisione di licenziare il neo eletto coach of the year Dwane Casey sostituendolo con il rookie Nick Nurse, destavano alcuni sospetti. Grazie alla leadership di Leonard, la grande capacità di gestire la squadra di Nurse e l’aiuto di alcuni comprimari sono riusciti a disputare un’eccellente stagione regolare e dei playoff superlativi. E arrivando così al lieto fine che sognavano da tempo.

TORONTO RAPTORS: IL PERCORSO NEI PLAYOFF

nick nurse timeout

Nick Nurse, coach dei Toronto Raptors.

Dopo una stagione regolare da protagonista e chiusa al secondo posto iniziano i playoff. la prima serie contro gli Orlando Magic non riserva alcuna sorpresa: 4-1 il risultato finale, con un Leonard che chiude le prime cinque gare a 27.8 di media. Superato il primo ostacolo si fa sul serio per davvero contro i Philadelphia 76ers. Le squadre si affrontano a viso aperto, da una parte Leonard e Pascal Siakam si caricano la squadra sulle spalle, dall’altra parte un voglioso Jimmy Butler risponde colpo su colpo. la serie viene forzata fino a gara 7, una sfida equilibrata che rispecchia in pieno l’andamento della serie. Il momento più catartico forse di tutti i playoff avviene a 4.2 secondi dalla fine: rimessa per i Raptors, Leonard si fa dare la palla, si sposta verso il mezzo angolo destro e lascia partire un tiro con Joel Embiid completamente attaccato, la palla balla per pochi secondi sul ferro e poi entra. Tutta Toronto festeggia accogliendo questo tiro come un segnale che sia l’anno giusto per vincere. Si arriva alle finali di Conference e la sfida è contro i Milwaukee Bucks di Giannis Antetokounmpo. La serie è molto enigmatica, in alcuni tratti i Bucks sembrano dominare con facilità, specialmente a centro area portandosi avanti per 2-0. Ma nel momento del bisogno arrivano gli eroi che non ti aspetti: Marc Gasol e Fred VanVleet. Gasol con la sua esperienza riesce ad arginare i Bucks in difesa, VanVleet invece dopo essere stato molto deficitario al tiro torna ad essere un cecchino segnando tutto quello che li passa per le mani. Tutto questo unito ai punti di Leonard e Siakam regalano un parziale di 4-0 e la prima finale NBA contro i Golden State Warriors.

UNA VITTORIA SUDATA E MERITATA

Kawhi Leonard, autentico trascinatore dei Toronto Raptors.

 

Le Finals si aprono con un interrogativo: riusciranno i Raptors a vincere il loro primo titolo o sarà Golden State a dominare per l’ennesima volta? Leonard e compagni rispondono presente vincendo gara 1 con una sontuosa prestazione di Pascal Siakam da 32 punti, 8 rimbalzi e 5 assist. In gara 2 Golden State orfana di Kevin Durant deve dimostrare al mondo di poter vincere anche senza uno dei big three, e ovviamente ci pensano Curry e Thompson a portare la serie alla baia in perfetta parità. La grandiosa prestazione di tutto il supporting cast di Toronto regala gara 3 ai canadesi. In gara 4 i Golden State non riescono ad esprimere il loro gioco e cadono sotto i colpi di Leonard e Siakam che espugnano per due volte consecutive la Oracle Arena.

Gara 5 si apre con il ritorno in campo di Kevin Durant, gli Warriors sembrano un’altra squadra e si portano avanti nel primo quarto. Dopo undici eroici minuti Durant si accascia a terra vittima dell‘ennesimo infortunio. Tutti sono scioccati, la partita è bloccata, Toronto avrebbe la possibilità di vincerla dopo il parziale di 10-0 di Leonard, ma gli ultimi tre minuti generano solo errori da parte dei Canadesi regalando la vittoria a Golden State per 106-105. Gara 6 è l’ultima partita alla Oracle Arena e ovviamente è stata spettacolare. Si parte con 11 punti di Lowry senza errori dal campo, Thompson risponde con le sue triple. VanVleet fa impazzire Curry con i suoi tiri, l’onnipresente Iguodala risponde con 22 punti. Thompson esce per infortunio ma la gare resta equilibrata. Siakam fa un canestro pazzesco contro Green, Curry sbaglia un tiro ‘alla Curry’. Un glaciale Leonard dalla lunetta fa due su due ed è titolo per Toronto. Una stagione fantastica chiusa nel migliore dei modi. Una squadra costruita con tanti dubbi, con un allenatore inesperto a livello NBA,  ma con la forza di volontà e con un Leonard MVP indiscusso sono riusciti a portare il primo titolo NBA in Canada.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi