"Il basket unisce": ecco Divac e gli altri nuovi membri della Hall of Fame
146833
post-template-default,single,single-post,postid-146833,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

“Il basket unisce”: ecco Divac, Sikma, Moncrief e gli altri nuovi membri della Hall of Fame

“Il basket unisce”: ecco Divac, Sikma, Moncrief e gli altri nuovi membri della Hall of Fame

Come ogni anno, l’Hall of Fame continua ad arricchirsi di nomi più o meno noti, e il protagonista della serata di ieri è stato il serbo Vlade Divac.

In NBA, Divac ha giocato otto stagioni per i Los Angeles Lakers e sei per i Sacramento Kings.  Una delle prime stelle europee ad approdare nella lega, è stato anche protagonista con la sua nazionale, con la quale ha vinto due argenti olimpici. A rendere particolarmente significative queste due medaglie, il fatto che una sia arrivata sotto il nome di Jugoslavia, l’altra sotto quello della Serbia, dopo la guerra civile.

Proprio su questo Divac ha incentrato il suo discorso da nuovo membro della Hall of Fame:

“Gli abitanti dei Balcani sono come membri di una famiglia malfunzionante. Possiamo combattere e litigare, ma alla fine siamo parte di una grande famiglia. Per il basket ha sempre rappresentato amore.”

Il serbo ha poi scherzosamente ricordato il famoso scambio tramite il quale Jerry West lo cedette in cambio di Kobe Bryant:

“Se fossi stato Jerry West anche io mi sarei scambiato per Kobe. Non avevo nulla da provare, ho avuto un’ottima carriera e oggi sono qui.”

Oltre all’attuale General Manager dei Kings, sono stati presentati i nomi di Jack Sikma, Sidney Moncrief, Paul WestphalBobby Jones, Al Attles e Teresa Weatherspoon.

Weatherspoon è stata medaglia d’oro alle Olimpiadi del 1988 e ha giocato in Italia e Russia. L’ex giocatrice delle New York Liberty ha parlato così:

“Il basket significa così tanto per me. E’ il mio santuario, il mio posto sicuro. Mi ha permesso di vedere cose e conoscere persone che altrimenti non avrei mai potuto vedere o conoscere.”

Sikma, infine, ha voluto parteggiare pubblicamente per un ritorno dell’NBA nella città di Seattle. Con i SuperSonics, infatti, il sette volte All-star ha vinto il titolo nel 1979. Alla presenza dello stesso Commissioner Adam Silver, ha affermato:

“C’è un vuoto a Seattle che necessita di essere riempito. Parlo a nome di tutti i fan dei Sonics, è la nostra più grande speranza che la lega trovi una via per riportare il basket nella città di Seattle!”

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment