fbpx
Home NBANBA TeamsGolden State Warriors Draymond Green: “Andrew Wiggins può essere un leader in difesa. Assomiglia a KD”

Draymond Green: “Andrew Wiggins può essere un leader in difesa. Assomiglia a KD”

di Olivio Daniele Maggio

Andrew Wiggins è approdato ai Golden State Warriors nella maxi-trade che ha invece visto D’Angelo Russell fare il percorso inverso. Wiggins, prima scelta del Draft 2014, non ha mai espresso pienamente il suo potenziale alimentando dei dubbi sul suo reale valore come giocatore. L’avventura col team della Baia per lui rappresenta un nuovo inizio, una ripartenza; d’altro canto i Warriors hanno scommesso su di lui dopo aver puntato su D-Lo: attorno all’ex point guard dei Brooklyn Nets si è sollevata la questione riguardo il fit col roster e col sistema di gioco di Steve Kerr, risolta anzitempo tramite lo scambio attuato nel giorno della trade deadline.

Riuscirà Andrew Wiggins ad avere un impatto positivo sui Warriors? Draymond Green è convinto di sì.

Il prodotto di Michigan State è convinto che l’ala canadese possa dare un contributo significativo nella metà campo difensiva, paragonandolo da questo punto di vista ad un altro giocatore che ha vestito la casacca della sua franchigia, ossia Kevin Durant. Queste sono le parole di Green riportate da Yahoo Sports:

“Penso che possa essere un giocatore da All-Defensive Team. Questo è uno dei miei obiettivi per lui, come leader di questa squadra è una delle cose su cui voglio spingerlo. Ha i fondamentali. Ha l’atletismo. Mi ricorda molto Kevin (Durant ndr), entrambi sono lunghi e magri, ma agili e in grado di muoversi. Ragazzi molto magri, ma non deboli. Da quel punto di vista, mi ricorda molto Kevin. Kevin è un grande difensore. Se Wigging può continuare a basarsi su quello, che penso possa diventare, sulla fase difensiva, davvero molto bravo.”

Insomma, Green è convinto che il nuovo compagno di squadra possa adattarsi facilmente alla filosofia Warriors, dove la difesa è stata uno dei punti di forza che ha permesso di vincere 3 titoli NBA dal 2015 al 2019. Il contesto, secondo Green, può esaltare le doti di Wiggins, cosa che non è avvenuta nella militanza ai Minnesota Timberwolves:

“Il pensiero non era che fosse un cattivo difensore, comunque. Non si è mai trovato davvero in una situazione vincente. Ed è allora che la difesa assume la propria importanza. Non è successo in quella situazione.”

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi