Dwyane Wade sulla sua carriera: "Sono pienamente soddisfatto, Heat? Occhio a Herro"
145594
post-template-default,single,single-post,postid-145594,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Dwyane Wade sulla sua carriera: “Sono pienamente soddisfatto, Heat? Occhio a Herro”

dwyane wade carriera

Dwyane Wade sulla sua carriera: “Sono pienamente soddisfatto, Heat? Occhio a Herro”

Dwyane Wade al termine della sua carriera non si sente ancora un giocatore completamente lontano dai parquet del mondo NBA. Lo ha dichiarato a Ira Winderman di The South Florida Sun Sentinel.

Non mi sento ancora un giocatore ritirato. Sono sicuro che una volta che inizieranno i training camp, le campagne mediatiche, tutte quelle cose a cui sono abituato e vedendo che non ne faccio parte, allora quello sarà il momento in cui mi sentirò tipo ‘Oh dannazione, mi sono davvero ritirato”.

Così tra il serio e il faceto l’ex Miami Heat commenta la sua prima stagione da ex giocatore. Oramai è iniziata per lui una vita nuova, scandita da ritmi e frequentazioni diverse. Wade dedica oggi molto più tempo alla sua famiglia e agli incontri con future promesse del basket. Proprio al termine della scorsa stagione nella sua Miami ha salutato il basket giocato, con un filo di nostalgia ma soddisfatto di quella che è stata la sua immensa carriera. Il ragazzo di Chicago si è detto pienamente contento del suo percorso NBA e dei tanti trofei che ha alzato.

Le parole di Dwayne Wade sulla sua carriera da giocatore

Mi sento realizzato. Ognuno è differente. Alcune persone non pensano che i titoli cambino la carriera. Alcune persone non pensano che gli All-Star game e l’essere parte del proprio team alle Olimpiadi siano cose che rendono completi. Per quanto mi riguarda, oltre alla medaglia d’oro olimpica che non ho mai sognato, volevo essere un campione. Ne avevo bisogno per la mia carriera. Avevo bisogno di mostrare al mondo chi ero come giocatore di basket. Ho avuto bisogno di ogni aspetto del gioco e mi sento come se avessi realizzato ogni cosa che ho voluto. Detto questo, guardo avanti sorridendo e guardando con felicità quello che ho fatto in quella fase della mia vita. Ho ancora così tanto da vivere che ora sono concentrato su quello che posso portare a termine in quest’altra parte di vita”.

Il bilancio che Dwyane Wade dà della propria carriera NBA è completamente positivo. E anche le intenzioni che ha per il futuro rispecchiano a pieno la sua essenza: una personalità gioiosa, generosa, sorridente e in ogni circostanza d’esempio per chiunque. Un vero campione da seguire.

L’ex Heat è rimasto sorpreso dal nuovo rookie di Miami, Tyler Herro

Guardando il futuro dei suoi Miami Heat, il grande ex si è detto curioso e fiducioso riguardo la prossima stagione della franchigia della Florida. Soprattutto è rimasto sorpreso dalla tredicesima scelta al draft di Miami, Tyler Herro. Il prodotto di Kentucky è quello che più ha brillato tra le scelte del draft nella appena passata Summer League, viaggiando a 19.8 punti di media a partita, con 4.5 rimbalzi, 4.3 assist e 1.5 palle rubate.

Wade è rimasto impressionato dalle sue prestazioni e così ha commentato l’impatto del giocatore:

Ho seguito la Summer League e ho dovuto seguire ogni cosa che gli Heat hanno postato sulla loro pagina. Non sono ancora stato tra i giocatori ma mi è piaciuto quello che ho visto. Quando i Miami Heat scelgono qualcuno al draft, bisogna sapere come stanno costruendo”. Poi ha continuato parlando di Herro: “So già che ha un grande progetto riguardo sé stesso e ora bisogna solo vedere che programma vuole seguire per diventare il giocatore che vuole essere. Sembra che lo voglia con forza. Non posso aspettare di vedere cosa farà nel suo anno da rookie. Non vedo l’ora”.

Francesco Catalano
fr.cata7@gmail.com
No Comments

Post A Comment