fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDallas Mavericks Mark Cuban: “La prossima stagione NBA dovrebbe iniziare a Natale”

Mark Cuban: “La prossima stagione NBA dovrebbe iniziare a Natale”

di Filippo Beltrami

Quando è uscita la notizia che la stagione NBA 2020\21 sarebbe ripartita dal 1 dicembre, sono cominciate a girare molte voci riguardanti questo argomento. Una di questevorrebbe che le partite cominciassero per il giorno di Natale o lì vicino.

Nonostante questo, la lega ha deciso per l’1 poiché, così facendo, si sarebbe finito per l’inizio di luglio permettendo ai giocatori NBA di partecipare alle olimpiadi di Tokyo la prossima estate.

NBA, il pensiero di Cuban: “Iniziare a Natale? Sono d’accordo”

Contate pure Mark Cuban, proprietario dei Dallas Mavericks, tra quelle persone che vorrebbero che la NBA cominciasse il 25 dicembre.

Cuban ha rivelato ai microfoni di BaD radio che vorrebbe Natale come inizio perché questo significherebbe più persone nelle arene. “Sono sempre stato a favore del fatto che le partite cominciassero il giorno di Natale, perché è quando noi andiamo nelle trasmissioni televisive. Che sia Natale o possibilmente poco prima, perché si pensa che in quel periodo ci sia, fiduciosamente, il vaccino e io sono una di quelle persone che è davvero fiduciosa che ci sia. Il fanatico della scienza che c’è in me mi dice che già solo leggendo certe cose, è molto probabile ci sarà.”

Ora la domanda è la distribuzione del vaccino e più tempo spendiamo a distribuirlo, più persone ci potranno essere quando inizieremo la prossima stagione. C’è un’opportunità di non avere solo alcuni tifosi ma anche più di quelli che ci potremo aspettare.”

NBA, ipotesi Natale…

C’è solo un modo per cui la prossima stagione possa iniziare a Natale e finire comunque per l’inizio di luglio: accorciare la stagione. Giocare 66 o 70 partite permetterebbe di avere tempo per dei playoffs pieni (7 gare per ogni serie di ciascun round) e rimanere nel tempo limite per i giocatori di unirsi alle rispettive nazionali e partecipare ai giochi olimpici di Tokyo.

…e realtà

Però questo non succederà. Dopo lo stop a causa del coronavirus (e dei fatti avvenuti tra la NBA e la Cina), i proprietari delle franchigie hanno votato per una stagione intera da 82 partite, così da recuperare dei soldi. Poiché i giocatori e i proprietari si spartiscono il reddito della lega, anche i giocatori vogliono le 82 partite. Detto ciò, la prossima stagione sarà di 82 partite.

Questo significa che se le partite cominceranno dopo, si dovrà compattare ancora di più il calendario (più back-to-back e quattro partite in 5 giorni), per far girare tutto, e sembra che possa accadere per una o due stagioni.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi