fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News NBPA: Michele Roberts parla degli sviluppi per la prossima stagione NBA

NBPA: Michele Roberts parla degli sviluppi per la prossima stagione NBA

di Edoardo Zanucco

Intervistata da Shams Charamia del The Athletic, la direttrice esecutiva dell’associazione giocatori (National Basketball Players Association, NBPA) Michele Roberts ha parlato degli sviluppi per la prossima stagione, la cui unica data ufficiale ad ora è il 18 novembre per il Draft. In vista della ripartenza al di fuori della Bolla, Roberts ha parlato della free agency, del tetto salariale stabilito per il prossimo anno e in generale di come sarà la NBA del prossimo anno. 

Queste le sue parole: “Non possiamo andare molto oltre il 1 dicembre per l’inizio della free agency. Abbiamo stabilito un basketball-related income (BRI) per cui le franchigie si sono opportunamente preparate. Non credo ci sia molto spazio di manovra rispetto a quanto abbiamo ipotizzato possa essere il tetto salariale. Il BRI potrebbe non rispecchiare i desideri di tutti, ma ritengo che questo Gioco non sia morto e possa rialzarsi, possiamo fare qualcosa col tetto salariale per permettere un libero mercato e non distruggere le aspettative delle franchigie che si erano mosse in anticipo per il loro futuro. Francamente, credo che accordarsi per il tetto salariale sarà una delle cose più semplici“. 

Michele Roberts sulla data di partenza per la prossima stagione: “Imperativo partire a gennaio-febbraio”

C’è molto da fare nelle prossime sei settimane, ma è uno sforzo necessario. Meglio prima che poi. Non ci sono prospettive per un blocco della stagione, riusciremo a risolvere tutto“. Riguardo alla data di partenza della prossima stagione: “Per fine gennaio, inizio febbraio dovremmo esserci. Se anche dovesse esserci una recrudescenza del virus e passassimo un inverno terribile, ce la caveremo“. Sia la NBPA sia la NBA sono d’accordo nel tentare di disputare tutte le 82 partite della prossima stagione, ma secondo Roberts: “Le due parti devono essere flessibili e pronte. Non credo si debba aspettare finché pensiamo che le arene possano aprire perché questo virus non è affatto collaborativo“. 

La Roberts sembra più disponibile di Adam Silver riguardo alla possibilità di cambiare radicalmente il calendario della NBA a causa della pandemia, affermando che non sarebbe una cattiva idea far partire la stagione sotto Natale e sperimentare qualcosa di nuovo. Il BRI della prossima stagione è stato calcolato in circa 6 miliardi di dollari, rispetto agli 8 miliardi dell’ultima, e Michele Roberts, in vista degli sviluppi per la prossima stagione, è molto onesta nell’ammettere che non sarà facile mantenere le percentuali di 51% per i giocatori e 49% per i proprietari delle franchigie senza scontentare nessuno.

Allo stesso modo, non sarà facile affrontare i proprietari e dire loro che dovranno sopportare dei ritardi nei pagamenti e cercare di cavarsela con le proprie forze, ma la Roberts rimane positiva: “You figure it out“. 

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi