fbpx
Home NBANBA News La NBA contro il Coronavirus: tutte le belle iniziative di questi giorni!

La NBA contro il Coronavirus: tutte le belle iniziative di questi giorni!

di Francesco Catalano

In questo momento drammatico in cui anche la NBA si è dovuta fermare a causa della diffusione pressoché globale del Coronavirus, molti giocatori e molte franchigie si stanno mobilitando per aiutare chi è più in difficoltà in questo momento. Soprattutto coloro che a causa della pandemia sono rimasti senza lavoro e quindi senza stipendio. Per esempio, tutti gli staff che lavorano nelle arene NBA e che traggono profitto dagli eventi lì organizzati.

Il commissioner NBA Adam Silver ha confermato che la NBA si fermerà per almeno 30 giorni. Al termine dei quali verrà rivalutata la situazione. Nel frattempo però molte famiglie si ritroveranno senza uno stipendio. Ecco allora che si sono susseguite nelle ultime ore molte belle iniziative da parte di giocatori e squadre.

Colui che ha iniziato questa catena invisibile è stato Kevin Love, ala grande dei Cleveland Cavaliers. Quest’ultimo ha donato 100mila dollari a tutti gli operai della Rocket MortGage Fieldhouse. Il suo bel gesto è stato utile per sensibilizzare molti altri giocatori alla causa ed infatti non sono tardate ad arrivare altre generose donazioni.

Giannis Antetokounmpo e Blake Griffin hanno seguito le orme del loro collega donando a loro volta 100mila dollari agli staff rispettivamente del Fiserv Forum di Milwaukee e della Little Caesars Arena di Detroit. In serata poi si è aggiunto anche Zion Williamson che ha annunciato che s’incaricherà personalmente di pagare tutti gli stipendi dei dipendenti dello Smoothie King Center di New Orleans. Lo ha fatto, tra l’altro, ricordando ancora una volta la figura della madre che da sempre lo accompagna nel suo percorso di crescita.

La NBA contro il Coronavirus: molte squadre assicurano lo stipendio ai dipendenti delle arene

Mark Cuban, proprietario dei Dallas Mavericks, ha assicurato che gli operai saranno regolarmente pagati per i match casalinghi come se questi venissero giocati. Lo stesso hanno fatto tramite comunicati ufficiali anche Phoenix Suns e Cleveland Cavaliers. Hanno intenzione di adottare le stesse misure anche Atlanta Hawks, Portland Trail Blazers, Detroit Pistons e Los Angeles Clippers. Così, questa catena di sensibilizzazione sta pian piano prendendo piede in tutta la NBA.

Ma non finisce qui. I Golden State Warriors, infatti, cappeggiati dal proprietario Joe Lacob, hanno deciso di mettere un milione di dollari nel loro fondo destinato agli operai della loro arena previsto in casi eccezionali come questo. Un’altra bella iniziativa arriva, invece, questa volta da Sacramento. Nella notte in cui è stata comunicata la positività di Rudy Gobert al COVID-19, sono stati annullati tutti gli incontri della notte che si sarebbero dovuti disputare. Tra questi c’era anche New Orleans Pelicans-Sacramento Kings. Tuttavia, in California, al Golden 1 Center era già tutto pronto: compreso tutto il cibo destinato alla vendita all’interno dell’arena.

Lo staff del palazzetto ha così deciso di donare tutte quelle primizie a due comunità della città che le hanno poi devolute alle famiglie che ne avevano bisogno. Nella giornata di ieri poi anche i Sacramento Kings hanno annunciato che pagheranno i dipendenti dell’arena per tutto il mese di marzo.

Un ultimo bel gesto è arrivato poi anche da Jeremy Lin. L’ex New York Knicks, infatti, dopo aver donato 100mila dollari alla Cina per combattere la pandemia, ne ha donati altri 150mila al fondo degli Stati Uniti d’America dell’Unicef.

Probabilmente questa bella raccolta di episodi non sarà finita e continuerà nei prossimi giorni. E’ bello vedere come nei momenti più duri, tutti possano unirsi insieme e dimenticare per qualche istante tutte i rancori e le barriere che quotidianamente ci bloccano. Ed è bello vedere come anche il mondo della NBA sia così vicino a queste dinamiche.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi