Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBrooklyn Nets Dinwiddie spinge i Nets oltre i Cavs, Atkinson “E’ un demone della velocità”

Dinwiddie spinge i Nets oltre i Cavs, Atkinson “E’ un demone della velocità”

di Lorenzo Brancati
Dinwiddie e la sua novità contrattuale

E’ un demone della velocità” ha dichiarato coach Kenny Atkinson sulla sua guardia, Spencer Dinwiddie E’ difficile stargli dietro“. I Brooklyn Nets sconfiggono i Cleveland Cavaliers per 113-107 dopo una partita di alti e bassi, senza dubbio meno passeggiata rispetto al blow-out sui Dallas Mavericks di lunedì notte.

Brooklyn parte forte, e a 9:45 dalla fine del primo tempo è avanti 37-22. Un buon parziale dei Cavs riporta tutto sul 44 pari. Alla pausa lunga i Nets sono ancora avanti, 55-50. Dagli spogliatoi escono meglio Kevin Love e compagni, che si affacciano al quarto quarto sopra 80-85. Inizia il periodo bene Brooklyn, con 9 punti di Caris LeVert, che nel finale lascia il testimone a Dinwiddie, il quale chiude la questione con 12 dei suoi complessivi 28 punti.

A supportarlo nella fatica i 25 punti di D’angelo Russell, che prende la squadra in mano nei momenti di difficoltà. Per i Cavs bene Love, rientrato ormai a pieno ritmo, con 24 punti e 16 rimbalzi, e David Nwaba, che fa registrare un career-high da 22 punti.

Brooklyn Nets, coach Atkinson nel pst partita: “Dinwiddie è una macchina da corsa”

Coach Atkinson ha speso parole dolci per coccolare Dinwiddie, da poco tornato dopo 14 partite saltate per infortunio. “Spencer è una macchina da corsa, un dragster. Quando attacca il ferro è difficile stargli dietro, questo è stato un game changer per noi“.

La guardia di Brooklyn è diventato un recordman di franchigia stanotte: 14 gare con 20 punti uscendo dalla panchina in una singola stagione.

D’Angelo Russell ha parlato della difesa dei suoi nei momenti di difficoltà. “Qualsiasi squadra può iniziare a giocare così, l’unico modo per fermare un’emorragia di punti è ottenere stop difensivi“. Infine coach Larry Drew, che ha allenato Lebron James, non ha potuto esimersi dal rispondere a una domanda a tema, nella notte  in cui l’ex Cleveland Cavs ha passato Michael Jordan al quarto posto nella classifica All-Time per punti segnati in carriera. “Sapete che Bron (LeBron James, ndr) è un giocatore speciale, sono molto contento di dire che nella mia carriera ho allenato diversi giocatori importanti, tra cui lui. Credo sia un lavoro incredibile“.

You may also like

Lascia un commento