Rodney Hood: futuro in via di definizione? La possibile scelta del ragazzo
117745
post-template-default,single,single-post,postid-117745,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Rodney Hood: futuro in via di definizione?

rodney-hood-mercato-cavaliers-palla-in-mano

Rodney Hood: futuro in via di definizione?

rotazioni Cavaliers-Cavs

Rodney Hood all’interno del roster dei Cavs

Periodo fondamentale per Rodney Hood, con una qualifyng offer di 3.4 milioni per la prossima stagione, può rimanere ancora i Cavaliers, nel caso in cui la squadra di Lebron James pareggiasse le offerte dall’esterno. La franchigia dell’Ohio non ha ancora deciso cosa fare con Hood e molto dipenderà anche dalle scelte di alcuni giocatori (in primis LeBron James) per decidere se tenerlo ancora in Ohio o se lasciarlo partire di fronte ad offerte che potrebbero essere piuttosto alte e fuori mercato per una franchigia come quella dell’Ohio piuttosto “ingolfata” a livello salariale.

Qual’ è l’interesse verso Rodney Hood?

L’interesse sembra già essersi infittito, ben tre squadre ad aspettare alla finestra, impossibile dire già da adesso chi sarà ad aggiudicarselo. Si tratta sicuramente di un profilo interessante, ottimo giocatore a Utah, che lo ha scelto al draft. Sebbene un po’ in calo nella post-season, con 5 DNP, un giocatore utilissimo sempre e comunque. Comprimario di un certo livello, di certo non un trascinatore.

Quel giocatore che riesce a fare la cosa giusta al momento giusto senza fare la giocata da standing ovation.

Rodney Hood #5

Rodney Hood al tempo dei Jazz

Nella struttura di una contender, i giocatori di sistema si rivelano fondamentali tanto quanto le star nell’economia del team. Le partite sono tante, i playoffs lunghi e proprio l’abilità dei giocatori come Hood può fare la differenza.

Le medie nel corso delle varie stagioni sono senza dubbio dalla parte del giocatore in rapporto al ruolo che gli viene richiesto.

Ha tenuto, infatti, 10,8 punti in 21 partite con Cleveland durante la stagione regolare, tirando il 44,2% dal campo e il 35,2% da tre.

Il bello del mercato è la sua imprevedibilità, i ribaltamenti di scenario continui, specialmente quando vi sono tante squadre intorno allo stesso giocatore. Auguriamo ad Hood di fare la scelta migliore per la sua carriera, voi nel frattempo seguiteci sempre sul sito!

Francesco Tarantino
francesco.tarantino99@gmail.com

Da sempre appassionato di basket, abbino il giornalismo per diletto. Da sempre tifosissimo Celtics, ho come mito cestistico Paul Pierce.

No Comments

Post A Comment