fbpx
Home NBANBA TeamsGolden State Warriors Steph Curry tiene una diretta col virologo Fauci per parlare di COVID-19

Steph Curry tiene una diretta col virologo Fauci per parlare di COVID-19

di Francesco Catalano

Steph Curry ha tenuto una diretta sulla sua pagina Instagram col dottor Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, per parlare della diffusione del Coronavirus e per discutere insieme ai tifosi su quando sarebbe stato possibile riprendere a giocare. L’iniziativa ha riscosso molto successo dato che hanno partecipato più di 50mila persone. Tra cui l’ex presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama.

Cosa accadrà in termini di numeri o quale metro state valutando per determinare se grandi accorpamenti, eventi sportivi e questo tipo di cose saranno apposto o continueranno ad essere una minaccia per la diffusione del virus?” ha chiesto subito Steph al Dottor Fauci che ha prontamente risposto. “Questa è una bella domanda Steph. Quello che dobbiamo fare è vedere se la traiettoria della curva inizia a scendere. Abbiamo visto che in Cina stanno iniziando a tornare alla normalità. Devono stare attenti a non riportare il contagio lì, ma sono alla fine della curva. Anche la Corea lo sta facendo. L’Europa, e l’Italia in particolare, è in una situazione terribile. Gli Stati Uniti sono un grande Paese, abbiamo così tante regioni”.

Come ha detto anche il dottor Fauci, l’emergenza sta lentamente rientrando nei paesi da cui è partita. Mentre sta raggiungendo il picco nell’Occidente ed in particolar modo in Italia. Tuttavia, la precauzione rimane molta. Per esempio, in Corea, anche se tutto sta tornando come prima, hanno deciso in ogni modo di cancellare la stagione cestistica.

Poi ha continuato a parlare Fauci riguardo la drammatica situazione che la East Coast americana sta vivendo. “New York city al momento sta avendo un periodo terribile. Tornando alla tua domanda, possiamo pensare di tornare ad alcuni gradi di normalità quando il Paese intero avrà girato l’angolo e i numeri inizieranno a calare considerevolmente”.

Il dottor Fauci nella diretta con Steph Curry: “Anche i giovani vengono colpiti. Non dobbiamo essere superficiali”

Tra l’altro Curry era stato uno dei primi giocatori sottoposti al tampone per il Sars-Cov2. Pochi giorni dopo il suo ritorno in campo contro i Toronto Raptors, il numero 30 degli Warriors, infatti, aveva riportato alcuni sintomi tipici della patologia. Tuttavia, fortunatamente per lui, si era trattato solo di una semplice influenza. La dirigenza della Baia ha fatto sapere poi successivamente che nessun giocatore del team aveva contratto il virus.

Curry in questa diretta ho voluto, contattando il dottor Fauci, fare in modo che un maggior numero di persone conoscesse la realtà delle cose. In particolar modo i più giovani a cui il dottor Fauci ha voluto mandare una raccomandazione. “Quello che abbiamo iniziato a vedere è che anche persone più giovani, in salute, vigorose che non avevano malattie pregresse, si influenzano. E’ ancora un numero esiguo ma ciò non significa che persone giovani come voi dovrebbero dire ‘Sono completamente immune da qualsiasi rischio’. E questa è la ragione per cui quando diciamo di stare attenti alla distanza, non lo facciamo solo per le persone più anziane, ma anche per quelle più giovani. Per due motivi. Uno, perché non siete immuni dalla malattia. Due, potreste diventare il vettore: quando sei infetto, ti senti bene, e poi inavvertitamente magari passi accanto ai tuoi nonni o a tuo zio che sta facendo la chemioterapia per il cancro. Ecco perché dobbiamo stare attenti. Non stiamo sopravvalutando il problema”.

Questa iniziativa portata avanti meritoriamente da Steph è stata estremamente utile per informare le persone a riguardo del virus e per evitare fuorvianti fake news come ha sostenuto lui stesso. “Penso che possiamo prendere un po’ di queste informazioni che abbiamo ascoltato e passarle ai nostri circoli personali. L’informazione è la nostra forza”.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi