fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Condivide una falsa frase di Hitler contro gli ebrei, Stephen Jackson lo difende

Condivide una falsa frase di Hitler contro gli ebrei, Stephen Jackson lo difende

di Lorenzo Brancati

Non c’è da stupirsi che tutto il mondo dello sport si sia scagliato contro il giocatore di NFL DeSean Jackson per quanto condiviso sui social. Il membro dei Philadelphia Eagles ha voluto infatti riportare una presunta frase di Hitler contro gli ebrei, ma nonostante ciò, Stephen Jackson ha voluto prendere le sue difese.

La frase in questione, sdoganata come falso storico del 2017, riportava la presunta volontà dell’allora dittatore tedesco di scatenare una terza guerra mondiale per fermare l’oppressione che gli ebrei avrebbero portato alla comunità nera come tappa per la dominazione mondiale. Gli Eagles non hanno tardato a stigmatizzare il comportamento del loro uomo, esortandolo non solo a rimuovere quanto caricato online, ma a prendere posizioni opposte.

Stephen Jackson e quella frase non così galeotta

A questa, e a molte altre critiche ben più pesanti, è però seguita una voce fuori dal coro. L’ex giocatore, tra le altre, dei Golden State Warriors Stephen Jackson, ha voluto prendere le difese dell’omonimo DeSean, nonostante l’inadeguatezza della presunta frase di Hitler.

L’ormai membro della lega BIG3, che è stato tra l’altro molto attivo nelle proteste al grido “Black Lives Matter”, ha affidato i suoi pensieri ad Instagram. In un video che ha poi prontamente rimosso, aveva affermato:

“Ho visto cosa hanno affermato i Philadelphia Eagles riguardo le azioni di DeSean Jackson. Lui voleva solo educarsi ed educare le persone, e sta dicendo la verità. No? Sul fatto che non odi nessuno e che stia provando ad educare gli altri per mezzo delle cose che conosce. Ma voi non volete che ci educhiamo, soprattutto se riguarda la comunità nera, non volete che se ne parli affatto. Ci stanno uccidendo, la polizia ci sta uccidendo e trattando di m****. Il razzismo è a un picco storico, ma nessuno di voi proprietari NFL ne ha parlato. Nessuno di voi. Addirittura la stessa squadra ha un giocatore che ha usato la parola con la n- in pubblico e gli avete dato un’estensione contrattuale. Noi del BIG3 abbiamo un proprietario ebreo, ma lui capisce la nostra posizione, capisce per cosa lottiamo e che ciò che diciamo non è contro di lui. Eagles dovete rivedere la questione.”

Dopo aver eliminato quanto sopra, Jackson si è limitato a condividere un’immagine con scritto“Il dolore della tua razza non supera quello di nessun’altra razza. Non farti controllare dal tuo disagio.”

Una questione senz’altro spinosa, in un momento storico non semplice da affrontare o analizzare.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi