fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News WNBA, tante novità: dall’aumentano dei salari ai benefici per le famiglie

WNBA, tante novità: dall’aumentano dei salari ai benefici per le famiglie

di Francesco Schinea

Eccellenti notizie per le giocatrici della WNBA, corrispettiva lega femminile della NBA.

Il nuovo accordo, valevole per i prossimi otto anni, sottoscritto tra la lega e l’associazione giocatrici, garantirà un aumento dei salari, maggiori opportunità di marketing e l’aggiunta di un salario garantito dedicato alle atlete in maternità.

“Il CBA 2020 prevede investimenti significativi da parte della lega e dei suoi team volti direttamente ad aumentare lo stipendio e il compenso delle giocatrici; a migliorare l’esperienza complessiva della giocatrice, le risorse progettate specificamente pensando all’atleta professionista femminile, nonché l’impegno a implementare un piano di marketing”.

Il primo punto del nuovo concordato è senza dubbio quello più atteso. Negli scorsi mesi si è, infatti, parlato a lungo della disparità salariale fra gli atleti maschi e le donne.

Come riportato da Shams Charania di The Athletic, le giocatrici guadagneranno mediamente $130,000 con la possibilità di raggiungere uno stipendio massimo di $500,000.

Si tratta di cifre ben distanti dai salari NBA (basti pensare che Stephen Curry percepirà $40,231,758 nel corso di questa stagione), ma che rappresentano un grande miglioramento per le condizioni delle sportive.

Le novità non terminano però qui. Oltre 1.6 milioni di dollari saranno, infatti, dedicati al marketing, in modo da garantire più popolarità alle star della lega.

Nel corso della regular season gli spostamenti avverranno inoltre su mezzi migliori. Ogni giocatrice otterrà anche una camera singola negli hotel, in occasione delle gare in trasferta.

Molti saranno i fondi dedicati alla vita privata delle giocatrici. Oltre al già citato “bonus” da $5,000 per la maternità, la WNBA fornirà $60.000 per coloro le quali hanno intenzione di formare una famiglia tramite adozione, maternità surrogata o crioconservazione di ovociti.

Infine, uno sguardo al futuro: la lega garantirà alle atlete opportunità di lavoro. In tal modo potranno preparasi al meglio alla carriera successiva al ritiro dal basket giocato.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi