LeBron James su Donald Trump: “Il Presidente USA perde tempo con me, incredibile”

LeBron James su Donald Trump: “Il Presidente USA perde tempo con me, incredibile”

LeBron James torna a parlare delle recenti “attenzioni” riservategli da Donald Trump via Twitter.

In una lunga intervista concessa a Marisa Guthrie dell’Hollywood Reporter, James si è chiesto dove il presidente degli Stati Uniti d’America possa trovare il tempo per commentare le sue parole, ed attaccarlo.

Gli attriti tra LeBron James ed il POTUS Trump risalgono al settembre 2017, quando i campioni NBA in carica Golden State Warriors resero nota l’intenzione di non recarsi alla consueta visita alla Casa Bianca, in polemica con l’amministrazione Trump.

James definì allora il presidente “un uomo falso” (“bum”, un’espressione colorita), appoggiando la scelta di Steph Curry e compagni e dichiarando di non avere alcun rispetto per Trump.

Il secondo “round” tra King James e Donald Trump risale invece al 30 luglio scorso. Intervistato da Don Lemon della CNN in occasione dell’apertura della “I Promise School“, James tornò sulla querelle Trump-Warriors, accusando il presidente di “voler usare lo sport per dividere il Paese”.

La dichiarazione di James fu per “The Donald” il pretesto per continuare la sua personale crociata contro i network americani. Via Twittet, Trump insultò Lemon, e diede sostanzialmente dello stupido a James.

LeBron James: “Gli insulti di Trump? Mi chiedo dove trovi il tempo”

LeBron James: in prima pagina già a sedici anni

Il LeBron James che traspare dalle pagine dell’intervista di Marisa Guthrie è un uomo consapevole della propria figura di “role model”.

A 34 anni, James è il miglior giocatore di pallacanestro della sua epoca, un atleta che non ha paura di schierarsi e far sentire la propria voce.

Un personaggio legato alle proprie origini umili, in prima linea con attività benefiche diversificate e – da qualche anno – uno dei volti nuovi nell’industria televisiva e cinematografica americana, con la sua casa di produzione “SpringHill Entertainment” e la partnership con Warner.

LeBron James rivela di accettare di buon grado le polemiche che immancabilmente accompagnano prese di posizione nette.

A proposito del presidente USA, James si dice però perplesso su come un uomo impegnato come Donald Trump possa dedicare tante attenzioni alle sua parole:

Il Presidente mi dà dello stupido? Non mi disturba, perché non è così. E’ come se qualcuno mi dicesse che non so giocare. Perché la cosa dovrebbe turbarmi? Ciò che mi disturba invece è che il Presidente degli Stati Uniti perda tempo con queste cose. Fai il lavoro più difficile del mondo, sei l’uomo più potente al mondo, ed hai anche il tempo per commentare quello che dico o faccio?

– LeBron James su Donald Trump –

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment