Home Aneddoti NBA Chris Paul a Wade: “Io a Miami? Non mi davi la 3. Morey mi ha mentito”

Chris Paul a Wade: “Io a Miami? Non mi davi la 3. Morey mi ha mentito”

di Mattia Luoni

In un recente episodio del podcast “The Why” condotto da Dwyane Wade, con ospite Chris Paul, sono emersi alcuni aneddoti interessanti riguardanti la carriera di CP3 e di come non sia ancora riuscito a vincere un titolo NBA.

In particolare Wade ha domandato a Paul se la sua carriera sarebbe stata completa se si fosse ritirato senza vincere un titolo NBA.¬†“Finalmente, anche se penso che vincer√≤ un campionato prima di smettere, s√¨, assolutamente”, ha detto Chris.¬†“Non riesco nemmeno a pensare di non aver vinto un campionato, ma adoro quello che ho potuto fare nella mia carriera, assolutamente.”

CP3 sostiene che con l’esperienza, l’idea di vincere un titolo non √® l’unica cosa che conta. Poi, continua dicendo che al momento, sta cercando di trasmettere ai compagni di squadra la sua prospettiva sul basket e di non darla per scontata.

Il mancato arrivo di Chris Paul ai “Big-Three” di Miami

Continuando a parlare, Chris svela che c’era stata un’interessante possibilit√† di far parte della squadra dei Miami Heat durante il periodo in cui LeBron James, Dwyane Wade e Chris Bosh dominavano la scena. Tuttavia, il trasferimento non si concretizz√≤ a causa di una banale controversia: entrambi Paul e Wade desideravano indossare il numero “3” sulle loro maglie, creando cos√¨ un ostacolo. L’ipotesi di un possibile nome, come “CP6“, √® stata scartata da Paul con un sorriso.

“Stavamo discutendo da un po’”, ha confermato Paul. “Parlavamo della squadra, di come sarebbe stata e di chi avrebbe portato palla; ero quasi un giocatore dei Miami Heat. D-Wade era disposto a sacrificare tutto il resto”, ha continuato Chris.

Wade ha scherzato dicendo che avrebbe sacrificato tutto tranne il suo numero di maglia. Durante l’epoca dei “Big Three”, gli Heat ottennero notevoli successi, vincendo un campionato NBA nel 2013, due titoli di conference nel 2013 e nel 2014 e tre titoli di divisione consecutivi dal 2012 al 2014.

I retroscena sul trasferimento agli Oklahoma City Thunder

La sorprendente cessione di Chris Paul ai Thunder da parte dei Rockets, dopo la stagione del 2019 ha lasciato tutti molto stupefatti, compreso lo stesso Paul. Quasi cinque anni dopo questo trasferimento, che ha coinvolto Paul e tre scelte al primo turno in cambio di Russell Westbrook, Chris ha finalmente svelato gli eventi dietro le quinte che hanno portato questo scambio.

Quando i Thunder hanno acquisito Shai Gilgeous-Alexander nell’affare che ha coinvolto Paul George nell’estate del 2019, Paul si √® messo al lavoro per portare Westbrook a Houston. Questo sarebbe stato un tentativo di collaborare con lui e James Harden per superare gli Warriors, che avevano eliminato i Rockets nelle prime due stagioni di Paul a Houston.

Paul ha avuto delle discussioni con Westbrook e successivamente ha contattato Daryl Morey (ex GM dei Rockets) e l’allenatore dei Rockets, Mike D’Antoni, per informarli dell’interesse di Westbrook di unirsi alla squadra. Tuttavia, Paul ha ricevuto una sorprendente risposta da Morey, dicendo che non avrebbero incluso nello scambio lo stesso Paul, che aveva scambiato due anni prima quando il giocatore aveva espresso il desiderio di giocare per i Rockets.

Pochi giorni dopo questo colloquio, Paul ha scoperto tramite una notizia sul suo telefono che i Rockets avevano effettivamente acquistato Westbrook, e che lui faceva parte dell’accordo, finendo ad Oklahoma City. Paul ha ammesso di non aver sentito Morey fino a quando non ha saputo gi√† del suo trasferimento tramite i media. Successivamente CP3 ha criticato le abilit√† comunicative di Morey.

You may also like

Lascia un commento