NBA Throwback Time: quei 35 secondi di talento puro e follia firmati Tracy McGrady! (VIDEO) | Nba Passion
51469
post-template-default,single,single-post,postid-51469,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

NBA Throwback Time: quei 35 secondi di talento puro e follia firmati Tracy McGrady! (VIDEO)

NBA Throwback Time: quei 35 secondi di talento puro e follia firmati Tracy McGrady! (VIDEO)

Do you believe in miracles?

Sono passati ormai 11 anni da quel 9 dicembre 2004, quando Houston Rockets e San Antonio Spurs stavano giocando una semplice gara di regular season al Toyota Center. Semplice, ma solo all’apparenza. Già, perchè la banda guidata da Gregg Popovich sembra avviarsi alla vittoria quando mancano poco meno di 40 secondi (il punteggio è di 76-71): peccato quel piccolo lasso di tempo sia abbastanza sufficiente ai padroni di casa (anzi, al PADRONE di casa) per ribaltare praticamente la partita.

Un ragazzone di nome Tracy McGrady decide quindi di salire in cattedra e scrivere un pezzo di storia della lega con una delle migliori prestazioni individuali di sempre. Già, ‘The Big Sleep’ unisce talento e follia e riesce a mettere a referto 4 triple di fila (compreso un tiro libero supplementare) per un totale di 13 punti, facendo esplodere d‘incredula gioia i tifosi di casa e lasciando attoniti e sorpresi gli speroni, battuti alla fine con un il risultato di 81-80. McGrady, giocatore dal talento potenzialmente illimitato ma dotato allo stesso tempo fisico fragile (che lo ha condizionato per tutta la carriera, insieme ad una dote di carisma non proprio eccezionale), toccò quello che probabilmente è il picco più alto della sua carriera, facendo innamorare molti appassionati di basket alle sue gesta. Se Andy Warhol sosteneva che tutti avranno prima o poi i loro 15 minuti di celebrità, al buon T-Mac bastarono circa 35 secondi per strappare applausi ed entrare, in un certo senso, nell’Olimpo del basket.

Daniele Maggio
daniele99maggio@gmail.com

Giornalista pubblicista dal 2016. Editor di NBAPassion.com per quanto riguarda la sezione approfondimenti, tratta della lega di basket più famosa al mondo in tutte le sue salse. Si occupa di calcio come corrispondente della Gazzetta dello Sport seguendo la Virtus Francavilla, formazione del girone C della Serie C.

No Comments

Post A Comment