L'ultima perla di Sua Maestà | Nba Passion
64485
post-template-default,single,single-post,postid-64485,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

L’ultima perla di Sua Maestà

L’ultima perla di Sua Maestà

Molti ricordano ‘The Shot‘, il buzzer beater messo a segno in gara 5 del primo round dei playoff 1989 contro i Cleveland Cavaliers, come il tiro più famoso e più emozionante effettuato da Michael Jeffrey Jordan. Ma c’è un’altra prodezza, salita agli onori della cronaca anni dopo, che probabilmente ha un significato maggiore ed un prestigio che hanno permesso al 23 dei Chicago Bulls di scrivere una pagina leggendaria dell’almanacco della NBA.

NBA Finals 1998, gara 6 tra gli Utah Jazz del mirabolante duo John Stockton e Karl Malone e il team dell’Illinois, avanti 3-2 nella serie. La partita è accesa e combattuta, coi padroni di casa che vogliono portare la disputa a gara 7. Ultimi 40 secondi: Jordan va in penetrazione e con l’ausilio del tabellone infila il canestro del -1. 86-85 per i Jazz, che gestiscono il possesso seguente. La palla arriva tra le mani di Malone, posto spalle a canestro e marcato da Dennis Rodman: dal nulla però, come un ninja dal passo felpato, sbuca MJ che gli stappa la sfera dalle mani. Mancano 15 secondi, Jordan decide che quella giocata deve essere sua, decide di fare ancora una volta la storia. Con Bryon Russell, un difensore piuttosto arcigno, che gli sta alle costole, entra in area, compie un crossover da favola liberandosi del marcatore e andando a segno con un tentativo in sospensione. Successivamente Stockton sbaglierà la disperata tripla del sorpasso sancendo così la vittoria del titolo da parte dei Bulls.

His Airness concluse la partita con 45 punti, con gli ultimi 4 che aiutarono pesantemente i Bulls a completare il secondo three-peat della franchigia dopo i tre titoli consecutivi vinti dal 1991 al 1993. Jordan inoltre si aggiudicò il suo sesto premio come miglior giocatore delle finali. Dopo quella partita disse addio al basket per la seconda volta, salvo poi tornare nel 2001 con la casacca dei Washington Wizards. Niente da dire: questa rimane l’ultima preziosa perla di Sua Maestà.

Daniele Maggio
daniele99maggio@gmail.com

Giornalista pubblicista dal 2016. Editor di NBAPassion.com per quanto riguarda la sezione approfondimenti, tratta della lega di basket più famosa al mondo in tutte le sue salse. Si occupa di calcio come corrispondente della Gazzetta dello Sport seguendo la Virtus Francavilla, formazione del girone C della Serie C.

No Comments

Post A Comment