Home Italbasket Italia perfetta nel secondo tempo, vinta e dominata l’Ungheria

Italia perfetta nel secondo tempo, vinta e dominata l’Ungheria

di Mario Alberto Vasaturo

UNGHERIA 62-83 ITALIA. L’Italia vince anche la seconda partita nel suo girone di qualificazione ad Eurobasket 2025, stavolta contro l’Ungheria in trasferta, in una gara a due facce. La prima metà di gara infatti gli azzurri non sono stati precisi, ma anzi frettolosi e superficiali, andando sotto di 1 all’intervallo. Il secondo tempo invece la musica è completamente cambiata, con l’Italia che ha nettamente annichilito l’avversario sia in difesa sia in attacco. La squadra di Gianmarco Pozzecco fa quindi 2/2 nel suo gruppo di qualificazione e si mantiene in testa al gruppo B. Per le successive gare di qualificazione, l’Italbasket tornerà a novembre per il doppio impegno, prima in trasferta e poi in casa, contro l’Islanda. 

Ungheria – Italia, l’analisi del match

Come già anticipato, una partita dalle due facce, che l’Italia ha poi deciso di vincere a partire dal terzo quarto. Nei primi venti minuti di gioco invece la gara è stata tutt’altro che scontata. L’Italia non è riuscita a trovare ritmo in attacco (36 punti in tutto il primo tempo) e la difesa ha lasciato a desiderare, con Hanga e Benke che hanno più volte fatto male l’Italia, e l’Ungheria che ha mantenuto delle buone percentuali da tre punti. 

Il terzo quarto però, di fatto, spacca la partita. La squadra di Pozzecco alza nettamente l’intensità difensiva, forza palle perse dell’Ungheria (16 a fine partita) e produce tanti punti in contropiede, grazie soprattutto allo sforzo e all’aggressività di due specialisti difensivi come John Petrucelli e Alessandro Pajola. Il parziale si allarga sempre di più e da ottime difese gli azzurri trovano anche energia in attacco, sbagliando pochi tiri e creando un solco decisivo. Il parziale del terzo quarto è di 28-9 per l’Italia, che nei 10 minuti successivi raggiunge anche il +30 e deve solo amministrare il vantaggio.

Italia domina anche sotto il canestro: cattura il doppio dei rimbalzi offensivi (12, contro i 6 dell’Ungheria) e segna più punti nel pitturato (36-24), ma non solo, gli azzurri chiudono anche con migliori percentuali da due (62.86%-53.33%) e da tre (42.31-31.82).

Una prova di forza che dà fiducia e dimostra le potenzialtà di questa squadra che oggi ha dovuto fare a meno di Tonut e Melli su tutti, tornati a casa, insieme a Spagnolo e Flaccadori, dopo la vittoria contro la Turchia.

Il tabellino statistico del match

Singoli parziali: 15-17, 22-19, 9-28, 16-19

Parziali progressivi: 15-17, 37-36, 46-64, 62-83

Italia: Spissu 6, Mannion 4, Tessitori 12, Ricci 6, Bortolani 12, Casarin, Caruso 1, Polonara 10, Severini 5, Procida 9, Pajola 9, Petrucelli 9. All: Gianmarco Pozzecco

Ungheria: Hopkins 9, Keller 4, Hanga 11, Vojvoda 8, Varadi 2, Benke 7, Goloman 7, Toth, Lukacs, Perl 12, Somogyi 2. All: Gasper Okorn

You may also like

Lascia un commento