fbpx
Home Eurobasket Georgia: tradizione ed innovazione per stupire tutti ad Eurobasket

Georgia: tradizione ed innovazione per stupire tutti ad Eurobasket

di Nicola Garzarella

Georgia, ripartire da Eurobasket 2015

La Georgia è di sicuro una delle squadre più imprevedibili del prossimo Eurobasket. Il team ha intenzione di stupire tutti ripartendo però da quanto di buono è stato fatto nella precedente rassegna europea. Nel 2015 infatti il roster allora allenato da Kokoskov era nel girone insieme a :Croazia, Grecia,Macedonia, Olanda e Slovenia. Nonostante la partenza negativa, 3 sconfitte in 3 incontri, i georgiani ebbero una grandissima reazione; due vittorie, contro Macedonia e Croazia, nelle ultime due gare consentirono a Pachulia e soci di raggiungere gli ottavi. Nella fase ad eliminazione diretta la squadra di Kokoskov fece soffrire moltissimo la Lituania, poi finalista, giocandosela ad armi pari contro un team dal grandissimo talento. Al termine di quell’Eurobasket la squadra cambiò direzione tecnica; esonerato il coach serbo venne scelto come suo successore il greco Ilias Zouros.

Le qualificazioni ad Eurobasket 2017

Non ci fu troppo tempo per le presentazioni; la Georgia aveva subito una missione da compiere: staccare il pass per Eurobasket 2017 mediante i turni di qualificazione. Il girone da affrontare non era propriamente impossibile ma presentava molte insidie, Montenegro e Slovacchia erano affamate di successi. Proprio la squadra guidata da Vucevic e Rice è stata l’unica effettiva rivale del team di Zouras. La Georgia infatti durante le qualificazioni  ha perso solo una partita, contro il Montenegro, vincendone ben 5. Poco hanno potuto Slovacchia ed Albania contro la prepotenza fisica e tecnica di Shengelia e compagni. I georgiani chiudono da primi nel proprio girone e conquistano, accompagnati dai festeggiamenti a Tbilisi, un posto ad Eurobasket 2017; qui vengono inseriti nel girone con: Italia, Lituania, Ucraina, Germania e Israele.

Caratteristiche tecniche e uomini simbolo

Dalla sua nomina in poi, Zouros si è inserito nel solco di Kokoskov seppur apportando qualche modifica. La squadra tradizionalmente ha sempre fatto largo uso, e abuso, del pick’n’roll. Dopotutto con lunghi del calibro di Pachulia, Shermandini e Shengelia e con un play come Tsintsadze lo schema primario è rimasto quello. La prepotenza e la forza dei georgiani a rimbalzo e sotto canestro può mettere in difficoltà quasi ogni difesa. Tuttavia ora con il coach greco si cerca di più la soluzione dal perimetro; la naturalizzazione della guardia Mike Dixon dell’AEK ha sicuramente contribuito in ciò. Inoltre Shengelia sta sempre di più sfruttando le sue mani delicate per aprirsi dal perimetro consentendo di muovere la difesa. In alcune circostanze di gioco Zouros ha persino provato a giocare “small ball” con Tsintzade, Dixon, Markoishvili da esterni con Sanikidze e Shengelia da 4 e 5.( soluzione praticabile però solo per pochi minuti)

L’uomo simbolo tuttavia resta sempre il capitano, e campione NBA, Zaza Pachulia. Il centrone dei Golde State Warriors ha accompagnato la squadra a questo Eurobasket con prestazioni davvero ottime; 15,6 ppg 8 rpg e 4 apg le sue medie durante il girone di qualificazione. Lui, Shengelia (17.2 ppg 8 rpg e 2 apg), Mike Dixon ( 16 ppg 4.2 apg) e Tsintsadze ( 8.2 ppg 7 apg 2 spg) saranno chiamati ad essere i protagonisti della nuova-vecchia Georgia.

I convocati e le ambizioni per Eurobasket 2017

Il tecnico Zouros ha convocato ben 17 giocatori per la massima rassegna cestistica europea; questi i nomi della lista :

Beka Bekauri, Michael Dixon Jr, Zaza Pachulia, Tornik’e Shengelia, Duda Sanadze, Giorgi Shermandini, Otar Phkakadze, Mikhail Berishvili, Kakha Jintcharadze, George Tsintsadze, Goga Bitadze, Manuchar Markoishvili, Anatoli Boisa, Viktor Sanikidze, George Sharabidze, Levan Patsatsia, Beka Burjanadze.

Il girone dei georgiani neanche quest’anno sarà dei più semplici. Italia, Lituania e Germania sembrano tutte un gradino superiori alla volenterosa squadra capitana da Pachulia.  invece potrebbero essere alla portata; un quarto posto nel girone potrebbe non essere utopia. Guai tuttavia a sottovalutare la forza di questa squadra che potrebbe togliersi grandi soddisfazioni in questo europeo, puntando magari a qualche scalpo eccellente.

 

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi