Home EurolegaEurolega preview Eurolega Preview: Fenerbahce v Baskonia Vitoria

Eurolega Preview: Fenerbahce v Baskonia Vitoria

di Carlofilippo Vardelli
Gigi Datome

Eccoci arrivati alla sesta giornata di Eurolega. Sesta giornata e di conseguenza, sesta preview. Partita, sulla carta, tanto bella quanto difficile. Si affronteranno nell’infuocata Fernando Buesa Arena, il Fenerbahce di Zelijmir Obradovic, e il Baskonia-Vitoria, del coach emergente Sito Alonso. Match interessantissimo, reso ancora più gustoso dalla presenza di due portacolori azzurri. Gigi Datome, oramai cittadino onorario turco e Andrea Bargnani, che rientra dall’infortunio che lo ha costretto a saltare le ultime 3 di Euroleague.

ANDREA BARGNANI HA GUIDATO IL SUO BASKONIA ALLA VITTORIA

Andrea Bargnani con Shane Larkin

COME ARRIVANO LE SQUADRE AL MATCH

Se dobbiamo rimanere solo in campo europeo, il Saski arriva al match molto meglio rispetto al Fener, che è stato randellato in casa dall’Unics di Kazan, mentre il Baskonia batteva con sicurezza la Stella Rossa. Mentre, se allarghiamo il campo, anche ai campionati nazionali, il ragionamento varia. Perchè se i baschi battevano agevolmente Manresa, il Fener doveva sudare sette camicie per aver ragione del Darussafaka (con Wanamaker, che metteva sul primo ferro il canestro della possibile vittoria). Uno può dire, ma hai ribato che il Baskonia ci arriva meglio… eh no! La vittoria dei turchi, è stata molto faticosa, ma molto più allenante, piuttosto che la passerella degli uomini di Alonso.

CASA FENERBAHCE

Il Fenerbache, arriva dalla brutta, ed inaspettata sconfitta con l’Unics. La squadra, è sembrata stanca, e vuota di energie. La doppia assenza, di Kalinic, (che rientra) e Bogdanovic (ancora out) si è fatta sentire e inoltre, ha accorciato di molto le rotazioni. In più l’Unics ha fatto ciò che voleva in attacco, rimbalzi, penetrazioni al ferro, il Fener ha concesso di tutto e in attacco è stata superficiale. Obradovic ha richiamato tutti all’ordine, e la partita col Darussafaka in campionato è stata emblematica. La nuova costante della pioggia di triple, sta diventando un terribile grattacapo, per gli avversari. Nunnally si è preso tante responsabilità (era ora) e quindi trust the process che Obradovic sta facendo con lui. Il gioco sul pnr sembra ritrovato. Udoh e Vesely più coinvolti anche come passatori e Nunnally,Datome e Sloukas a ricevere gli scarichi. Bobby Dixon è letteralmente unstoppable in questo periodo quindi un Fener ricaricato.

CASA BASKONIA

Dopo la splendida annata 2015/16, non era facile riproporsi ad alti livelli. Il Saski ci sta riuscendo. Merito di Sito Alonso, coach in divenire e dell’ottimo roster. Il record è di 3-2  e la squadra ha fatto vedere che vincere in trasferta non è un problema. La rumba a domicilio del Real è l’emblema. La squadra fa forte affidamento su uomini di assoluta qualità. La base solida dello scorso anno (raggiunte le F4) è  rimasta. Shengelia, Tillie, Hanga, e Blazic. In più sono stati inseriti, con un progetto dietro, ovvero giocatori con esperienza NBA, Bargnani, Larkin, Beaubois e Budinger oltre a Voigtmann. Con Larkin e Beaubois il ritmo è molto alto. Il gioco è un filo disordinato ma il loro talento parla chiaro. Hanga è l’uomo di equilibrio, Shengelia e Tillie con Blazic sono le bocche da fuoco. Bargnani è la stella. Un giocatore come lui in europa, non esiste, difendesse anche ogni tanto.

DUELLI CHIAVE

Larkin e Beaubois vs Dixon e Sloukas e sicuro che non vi addormentate. Datome e Hanga, gli equilibratori, tante cose utili senza farsi notare dai più. Bargnani è al rientro e dovrà fare a botte, aiutato da Voigtmann contro il cerberus del Fener (vesely,udoh, antic). Kalinic e Shengelia sarà un altro bel duello, sopratutto se il serbo riuscirà a fermare il georgiano. Il Fener tira benissimo da tre, perciò la difesa sugli esterni sarà fondamentale, occhio anche and pnr dei turchi, i lunghi sono rapidi di piedi e Antic ha raggio di tiro ampio. Il Saski può fare leva sull’atletismo e i tanti punti segnati (81 di medi) e sulle amnesie e le pause che i turchi ancora si prendono.

Partita di livello, aperta a qualsiasi risultato. Come al solito il Fener parte favorito ma di poco. 60%-40%.

You may also like

Lascia un commento