fbpx
Home Mondiali Basket 2019 Team USA, bene il primo test: Spagna KO, Walker, Tatum e Mitchell in evidenza

Team USA, bene il primo test: Spagna KO, Walker, Tatum e Mitchell in evidenza

di Michele Gibin

Team USA supera il test Spagna, ma perde per infortunio P.J. Tucker: l’ala degli Houston Rockets deve rinunciare ai Mondiali FIBA di Cina 2019 a causa di un problema alla caviglia.

Ad Anaheim, California, gli Stati Uniti battono 90-81 la Spagna di coach Sergio Scariolo nel primo vero test contro una delle potenziali rivali ai Mondiali, dopo due settimane di preparazione e le tantissime assenze eccellenti incassate.

Team USA rimane in controllo della partita da subito, raggiungendo anche i 18 punti di vantaggio prima di una rimonta spagnola ad inizio quarto periodo. Il quintetto sperimentale schierato da coach Gregg Popovich (Joe Harris, Donovan Mitchell, Kemba Walker, Mason Plumlee, Jayson Tatum) non perde però lucidità e chiude la porta in faccia a Ricky Rubio e compagni.

Per coach Pop la coppia Mitchell-Tatum si dimostra la mossa vincente: la giovane star degli Utah Jazz chiude con 13 punti (top scorer dei suoi) in 23 minuti, Jayson Tatum ne aggiunge 11 con 5 rimbalzi in 22 minuti. Team USA chiude con 11 su 19 al tiro da tre punti e vince la lotta a rimbalzo grazie a Tatum, Kyle Kuzma, ed a un Kemba Walker che in 22 minuti chiude con 11 punti, 6 rimbalzi e 8 assist.

Un buon test per vedere a che punto siamo” Così Popovich nel post gara “E’ stato una sorta di battesimo per noi oggi, siamo un gruppo totalmente nuovo, giocatori, allenatori, staff… una bella esperienza“. Pochi minuti di gioco per De’Aaron Fox, la stellina dei Sacramento Kings che tanto ha impressionato durante il training camp di Las Vegas e che si giocherà le sue chance di entrare nel roster dei 12 che volerà in Cina: per Fox soli 2 punti in 6 minuti.

Walker, il giocatore più esperto e tra i più quotati a roster oggi, e Donovan Mitchell si candidano naturalmente a leader della spedizione americana, che volerà nei prossimi giorni in Australia per proseguire la preparazione con un’amichevole contro i Boomers padroni di casa: “Non vedo l’ora di andare avanti, la cosa più importante per noi è trovarci in campo, diventare una squadra” Così Mitchell “I nostri avversari sono giocatori che giocano assieme in nazionale da anni, noi dovremo essere in grado di compensare. Ed il modo migliore per farlo è stare assieme come una vera squadra“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi