fbpx
Home NBANBA TeamsBoston Celtics Celtics, inside the bench

Celtics, inside the bench

di Salvatore Caligiuri

Celtics, inside the bench

All’inizio dello scorso mese di Ottobre, A.Sherrod Blakely, giornalista di CSNNE.com, analizzava la panchina dei Boston Celtics, chiarendo i punti che l’avrebbero resa una delle migliori di tutta l’NBA. Secondo il noto giornalista, la conferma di Zeller, Jerebko, Smart e Rozier, oltre all’aggiunta di Green e Brown, avrebbe consentito alla panca bianco-verde ,nonostante le cessioni di Turner e Sullinger, di dare una grossa mano allo starting five. Oggi le somme che invece possiamo tirare son ben diverse; complici anche gli infortuni di Al Horford e Jae Crowder, che hanno forzato lo spostamento di Zeller e Brown prima, e Smart e Olynyk poi in quintetto base.

Ad oggi la second unit sembra un grosso punto interrogativo e, spesso, addirittura, un problema al lavoro dei titolari. Le rotazioni delle seconde e terze linee vanno rivisitate, e con il duplice infortunio accaduto ai Celtics gli equilibri difensivi ed offensivi della panchina sono venuti meno.

I cambiamenti rispetto allo scorso anno

La scorsa stagione la panca, guidata dalla point forward Evan Turner, era una delle migliori in assoluto in NBA: sesta per punti medi realizzati (37.7ppg), seconda per rimbalzi(19 per partita) e terza per assist(9.7 per partita).

Attualmente,  la second unit dei  Celtics ha molti problemi. Primo fra tutti, condiviso con lo starting five, l’annoso

Terry Rozier, sophomore ex Louisville

Terry Rozier, sophomore ex Louisville

problema dei rimbalzi che vede la franchigia del Massachusetts nelle ultime 10 di tutta la lega. La passata stagione questo problema era parzialmente colmato dalla presenza di Sullinger , il miglior rimbalzista nonostante tutti i difetti.

In questa stagione, il miglior rimbalzista è Bradley (7,9 rimbalzi) mentre nella second-unit il migliore è Smart con appena 3.8 rimbalzi. Altro fattore fondamentale è quello dei punti (Smart viaggia a 13,5 ma ha molto spazio nei titolari), il leader per punti in uscita dalla panca, è Rozier con appena 5.5ppg (pochi considerando che Turner viaggiava a quasi il doppio con 10.2ppg).

Gli elementi fondamentali

Tuttavia le condizioni per fare bene non mancheranno di certo nel corso di una lunghissima stagione. Il rientro di Horford e Crowder sarà importantissimo in quest’ottica. Zeller dalla panca sa produrre, soprattutto a livello offensivo, buone cose. Il rientro in pianta stabile dalla panca di Brown e Smart aiuterà molto la fase difensiva e contribuirà alla crescita del nostro rookie.

Fondamentale sarà il rientro a tempo pieno di Olynyk (reduce da due ottime gare partendo titolare) poiché i Celtics hanno un disperato bisogno dei suoi punti in uscita dalla panca. Un fattore potrà essere Gerald Green per punti e rimbalzi, oltre che per il suo status da veterano, chiamato ad essere leader emotivo della second-unit. Altri giocatori chiamati a dare il loro contributo in particolari momenti della stagione saranno Mickey e Jackson, che comunque non si stanno mal comportando in relazione alle loro capacità. Anche Jerebko con il suo range di tiro potrebbe tornare utile per allargare il campo, così come quel Young che, nonostante la buona prova dispensata nell’ultima gara, i tifosi sono ormai stufi d’attendere.

Per NBAPassion,

Nicola Garzarella

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi