fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationEsclusive Intervista a… Dario Ferretti: vi spiego come funziona e come nasce Pick-Roll

Intervista a… Dario Ferretti: vi spiego come funziona e come nasce Pick-Roll

di Marco Tarantino
Abbiamo avuto modo di scambiare quattro chiacchiere con un amico ed un collega sotto il punto di vista della passione e della volontà di trasformare il basket in Italia, Dario Ferretti, founder di Pick-Roll. Ecco cosa ci ha detto nella nostra intervista.
Ciao Dario, buongiorno come va il progetto di Pick-Roll? Spiegaci come nasce il progetto. Ci sono novità in arrivo?
Ciao Marco, grazie per l’invito come sempre! Il progetto Pick-Roll procede bene, soprattutto dopo i patrocini con FIP, FIPIC, LBA e LNP, ovviamente hanno portato grande valore e non fanno altro che renderci orgogliosi e sempre più consci di quello che stiamo realizzando. Il progetto è nato per gioco nel 2014 da me, Francesco Pinna e Giorgio Mortini.
Ci siamo chiesti il motivo per il quale non esistesse un sito che raccogliesse tutti i playground d’Italia (a quegli anni non era ancora in progetto di realizzare un’APP). Essendo di Roma dove il calcio la fa da padrone per ovvi motivi era sempre complicato trovare dove andare a giocare e persone con le quali condividere la stessa passione, anche quando si va in vacanza non conoscendo la città e ci viene voglia di fare due tiri (sappiamo che a tutti noi malati di basket capita).
Quindi abbiamo investito una somma esigua per realizzare un sito dove ogni ragazzo potesse aggiornare la mappa con il campetto dove gioca solitamente, rendendo protagonista la community stessa. Da quel giorno sono passati 5 anni e Pick-Roll, che intanto è diventata un’APP per smartphone, attualmente conta un database reale con più di 6500 strutture suddivise tra playground, palestre e palazzetti dello sport.  Stiamo lavorando per una nuova versione con tantissime novità non solo per il playgrounder, ce ne saranno delle belle!
milos-teodosic-pubblico
Oltre a Pick-Roll, parliamo anche di basket giocato. In Serie A Bologna è tornata di prepotenza sui radar, Teodosic è fuori controllo, un giocatore differente che sta aiutando il basket italiano a tornare spettacolare. In Eurolega invece Milano sembra veramente e finalmente arrivata alla maturazione giusta per puntare alle final four per te? Il basket italiano sta crescendo e prendendo la strada giusta con i grandi nomi? Da Messina a Rodriguez, arrivando ovviamente a Teodosic.
Dopo molti anni di “anonimato” sembrerebbe davvero che il campionato Italiano stia rinascendo, qualche segnale l’abbiamo avuto anche qualche stagione fa con l’arrivo di Metta World Peace (aka Ron Artest) e Mario Chalmers. Non tanto per fare la differenza, quanto per portare interesse. Quest’anno con Teodosic, Scola, Rodriguez e Messina sicuramente la musica è cambiata ed è uno spettacolo vederli giocare.
Rivedere anche il Palazzo dello Sport di Roma così pieno per una partita di campionato è stata per me un’emozione incredibile, non lo si vedeva da tanto, troppo tempo. Milano sicuramente con quei due in campo e il gioco del coach, ha tutte le qualità per arrivare fino in fondo. Staremo a vedere.
anthony davis
Una chiusura sulla stagione NBA, sappiamo che sei tifoso Lakers, come vedi la rivalità nata con i Clippers con i grandi colpi di mercato? Arriveranno alle finali di conference una contro l’altra per te?
Probabilmente è stata una delle estati più incredibili a livello di movimenti di mercato, se non la più folle di tutte. Tutti danno per favoriti una delle due squadre di L.A. e anche io la penso così, ovviamente da tifoso gialloviola se dovessi scommettere uno scellino, lo punterei sul Re e sul “monociglio”. Ma sappiamo tutti le qualità di Leonard e del sistema di gioco dei Clippers che con Doc Rivers ha raggiunto i maggiori successi in tutta la propria franchigia.
Non dimentichiamoci di Houston, quei due nel caso riuscissero a trovare l’alchimia giusta potrebbero essere una spina nel fianco di tutte le squadre, mentre la sfortuna pare essersi abbattuta sui GSW. Ad Est mi aspetto un Antetokounmpo che finalmente faccia fare il salto di qualità definitivo a Milwaukee, con un occhio di riguardo a Boston, Toronto e… Durant.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi