È tutta una questione di soldi: i 5 Paperoni della NBA
127483
post-template-default,single,single-post,postid-127483,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

È tutta una questione di soldi: i 5 Paperoni della NBA

È tutta una questione di soldi: i 5 Paperoni della NBA

I soldi non fanno la felicità, figuriamoci la miseria“, cosi recita un noto proverbio popolare. Lo sanno bene gli atleti professionisti che a prescindere dallo sport di loro competenza guadagnano cifre da capogiro fra stipendi e sponsor. Tuttavia gli Sportman più ricchi al mondo potrebbero non corrispondere totalmente con quelli più conosciuti. Tra i più pagati del 2018 si riscontrano numerose sorprese in testa alla classifica mentre alcuni degli atleti più famosi non rientrano nella top five. Roger Federer, per esempio, si classifica al settimo posto nonostante sia acclamato come il miglior tennista di sempre. Gli sportivi più pagati sono ovviamente i calciatori: ben 3 esponenti occupano le zone alte della classifica (Lionel Messi, Cristiano Ronaldo e Neymar). A guardare tutti dall’alto è però un pugile di 41 anni con all’attivo 50 vittorie e 0 sconfitte. Parliamo ovviamente Floyd Mayweather che ha incassato in un anno 242 milioni di dollari. E la NBA? Quanto guadagnano i giocatori che militano nella lega di basket più famosa del mondo? Andiamo ad analizzare quelli che sono i 5 Paperon de Paperoni della pallacanestro.

Blake Griffin

Salary: 31.8 milioni di dollari.

Carrer Stats: 21.9 punti, 9.2 rimbalzi e 4.4 assist.

Fosse più continuo e meno sgarbato varrebbe ogni centesimo riportato sul suo contratto. Griffin è un’ala forte fisicamente possente, abile nel gioco in post e amante delle schiacciate con le quali chiude la maggior parte dei suoi 1 vs 1. Negli ultimi anni è anche esponenzialmente migliorato nel computo degli assist e nel tiro dalla lunga distanza (38% in questa stagione). A volte però scende in campo svogliato e nervoso, attacca briga con tutti, sia avversari che compagni; alterna performance opache a partite in cui chiude in tripla doppia con oltre 30 punti segnati. I Clippers, consapevoli della sua poca leadership, lo hanno spedito a Detroit alla prima occasione ricevendo in cambio Avery Bradley, Tobias Harris e Boban Marjanovic. Il suo contratto scadrà al termine della regular season, sta a lui ora dimostrare in questi mesi che gli rimangono di che pasta è fatto.

LeBron James

Salary: 35.6 milioni di dollari

Carrer Stats: 27.2 punti, 7.4 rimbalzi e 7.2 assist

LeBron è il miglior giocatore della lega, detentore di molti record storici ma è “solo” quarto nella classifica dei Paperoni NBA, in virtù del quinquennale siglato in estate con i Lakers. All’età di 34 anni, il Re si è messo a capo di una squadra di ragazzi giovani (Ball, Hart, Ingram e Kuzma) accompagnata da un nucleo di veterani (Stephenson, Rondo, McGee e Beasley) con cui spera di tornare a competere per le Finals quanto prima. Attualmente i Los Angeles Lakers occupano il quarto posto della Western Conference e James sta giocando la miglior stagione della carriera se comparata con il minutaggio che gli viene concesso, appena 30 minuti a partita. Il prossimo anno la dirigenza giallo-viola disporrà del più alto spazio salariale della NBA, il fascino “reale” di Los Angeles potrebbe portare in dote i pezzi grossi della free agency.

LeBron James non poteva che essere tra i Paperoni della NBA

LeBron James non poteva che essere tra i Paperoni della NBA

Chris Paul

Salary: 35.6 milioni di dollari

Carrer Stats: 18.6 punti, 4.5 rimbalzi e 9.7 assist.

Tanto talentuoso quanto sfortunato. Il feeling tra Paul e la fortuna non è mai stato idilliaco, come testimoniano i tanti infortuni subiti in carriera e nei momenti cruciali della stagione. L’ultimo, occorso nella gara contro gli Heat, lo terrà ai box per qualche mese. In estate ha firmato un ricco contratto con i Rockets con cui è diventato il terzo giocatore più pagato della NBA. Malgrado sia considerato uno dei migliori playmaker della lega, dominante in cabina di regia quanto nella metà campo offensiva, la sua propensione agli infortuni avrebbe dovuto far tentennare la franchigia di Houston: ora con il salary cap intasato, il G.M Morley avrà pochissimo margine di manovra nella prossima Free Agency, a meno di improvvise e “pericolose” trade.

Russell Westbrook

Salary: 35.7 milioni di dollari

Carrer Stats: 22.9 punti, 6.8 rimbalzi e 8.2 assist

Amato e allo stesso tempo detestato, Russell Westbrook rimane un giocatore straordinario, un all-around player con una cattiveria agonistica e un atletismo superiori agli altri playmaker. La scelta di rimanere a Oklahoma dopo l’addio di Durant ha ridotto le sue chance di vittoria (anche se con questo Paul George mai dire mai…), ma almeno ha pagato sul piano economico: lo scorso settembre ha firmato un rinnovo faraonico da 205 milioni complessivi che lo legherà ai Thunder fino al 2023. Ha sempre diviso l’opinione pubblica per il suo modo di giocare e per la sua personalità, a detta di molti egoista e arrogante, tanto da essersi inimicato perfino i compagni di squadra. Il giocatore più discusso della lega, ma anche il secondo più pagato.

Stephen Curry

Salary: 37.5 milioni di dollari

Carrer Stats: 23.3 punti, 4.5 rimbalzi e 6.7 assist

3 titoli NBA negli ultimi 4 anni, 2 MVP di cui uno assegnatogli all’unanimità, record di triple segnate in regular season e uno dei pochi eletti capace di chiudere una stagione con il 50% dal campo, 40% da tre e 90% ai liberi. Bastano questi numeri per giustificare il ricco stipendio che percepisce Steph Curry, il Paperon de’ Paperoni della NBA. Il figlio di Dell è il motore di Golden State, il fondamento su cui poggia una delle squadre più forti di sempre. Nell’era Kerr i Warriros hanno finora totalizzato il record 265-50 con Curry in campo, 23-20 senza. A dimostrazione del fatto che c’è solo un uomo al comando della Baia.

Il re dei Paperoni NBA altri non è che il miglior tiratore di sempre: Stephen Curry

Il re dei Paperoni NBA altri non è che il miglior tiratore di sempre: Stephen Curry

 

Daniele Guadagno
dany20991@gmail.com

Daniele Guadagno, redattore per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment