JR Smith, altro rumors: Miami Heat interessati ad uno scambio?
140040
post-template-default,single,single-post,postid-140040,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

J.R. Smith, ennesimo rumors: Miami Heat interessati ad una trade?

dieci giocatori

J.R. Smith, ennesimo rumors: Miami Heat interessati ad una trade?

I rumors attorno a JR Smith, in questa stagione, non hanno mai smesso di circolare. All’inizio del campionato, infatti, la guardia dei Cavs fu pubblicamente scaricata dalla sua attuale squadra, e fu successivamente accostato a numerose squadre. Gli ultimi della lista, nello specifico, sembrerebbero i Miami Heat, i quali potrebbero essere disposti ad impostare una trade per arrivare al campione NBA 2016.

JR SMITH: I RUMORS SU UN EVENTUALE TRATTATIVA CON IL TEAM DELLA FLORIDA

L’ex guardia dei Nuggets è in Ohio dal 2015

Stando a quanto riferito da The Athletic e Bleacher Report, in particolare, la squadra guidata da Pat Riley appare interessata ad uno scambio con i Cavaliers al fine di sbarazzarsi, per l’occasione, di diversi contratti pesanti in vista della prossima off-season. Inoltre, al seguito del ritiro di Wade, gli Heat stanno cercando un sostituto in grado di ricoprire il ruolo di guardia di riserva: incarico che, nonostante gli ultimi due anni molto negativi, l’ex Knicks potrebbe degnamente ricoprire.

Nell’annata 2018-2019, il classe 1985 ha disputato senza ombra di dubbio il suo peggior campionato in carriera, come ben delineano le sue cifre raccolte in appena 11 partite compiute.

  • 6,7 punti
  • 1,6 rimbalzi
  • 1,9 assist
  • 34,2 FG%
  • 30,8 3P%
  • 80,0 FT%

Nonostante ciò, comunque, per Smith la franchigia della Florida potrebbe rappresentare l’ultimo treno per rilanciarsi come uomo chiave, riacquistando quella fondamentale importanza che il nativo di Freehold aveva assunto nei suoi primi anni di militanza a Cleveland. La stessa squadra che, lo scorso ottobre, fu ampiamente criticata dal veterano 33enne per il suo atteggiamento remissivo e perdente.

Qui non si gioca per vincere. L’obiettivo, a mio avviso, sembra quello di perdere il più possibile per poter ottenere una scelta al prossimo draft, in modo tale da ricostruire lentamente la franchigia

Aldilà di ogni singola considerazione, una cosa è certa: qualora questa trattativa andasse effettivamente in porto, Miami avrebbe nelle sue mani una scommessa che potrebbe ancora riservarci delle piacevoli sorprese.

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment