Home NBA, National Basketball AssociationMercato NBA, ultime notizie su scambi e trattative Sette team aggressivi per PJ Tucker: chi chiuderà l’affare?

Sette team aggressivi per PJ Tucker: chi chiuderà l’affare?

di Michele Gibin
pj-tucker-mercato-nba

2. PJ Tucker-Brooklyn Nets

James Harden è già lì e solo questo è un punto a favore dei Nets nella corsa a PJ Tucker.

Un altro punto a favore è il “progetto tecnico”, come si suol dire: Steve Nash, il cui assistente alllenatore principale è tale Mike D’Antoni (altro punto a favore) sta di fatto utilizzando la guardia-ala Bruce Brown come centro sottodimensionato nei Nets del big three Durant-Harden-Irving (+1 Blake Griffin). Blake Griffin è l’alternativa principale, DeAndre Jordan e Nic Claxton i due lunghi di ruolo in squadra con Jeff Green come alternativa.

I Brooklyn Nets avrebbero diverse soluzioni da proporre ai Rockets via trade, e in caso di buyout e per i motivi sopracitati sarebbero i chiari favoriti per accogliere PJ Tucker.

Se però Sean Marks volesse giocare d’anticipo, Brooklyn potrebbe rendere disponibili Landry Shamet e lo stesso Claxton. I Nets hanno anche a disposizione quello che in America viene chiamato “silver bullet”, ovvero l’asso pigliatutto.

Il contratto in scadenza di Spencer Dinwiddie.

I Nets potrebbero mettere sul mercato Dinwiddie per recuperare una prima scelta futura, ma è anche vero che Brooklyn gioca per vincere ora e per i prossimi due o tre anni. Spencer Dinwiddie ha una player option sul suo contratto da oltre 12 milioni di dollari, che se esercitata farà schizzare alle stelle la luxury tax dei Nets, per un giocatore diventato di fatto superfluo, in questa squadra.

Per i Nets la via maestra è trovare una sistemazione via trade per Dinwiddie, giocatore stimato da tante squadre NBA.

You may also like

Lascia un commento