Vince Carter, ultima stagione ancora agli Hawks | Nba Passion
145302
post-template-default,single,single-post,postid-145302,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Vince Carter, ultima stagione ancora agli Hawks

Vince Carter, ultima stagione ancora agli Hawks

Vince Carter giocherà la sua ultima stagione agli Atlanta Hawks, per il veterano sarà la seconda in Georgia.

Come riportato da Adrian Wojnarowksi di ESPN, Carter e gli Hawks si sono accordati per un contratto annuale. Il 42enne Carter diventerà dunque il giocatore NBA più longevo di sempre  con 22 stagioni all’attivo, superando Dirk Nowitzki, Kevin Willis, Robert Parish e Kevin Garnett.

Carter aveva rivelato a fine anno il desiderio di giocare un’ultima stagione, in una squadra giovane che avrebbe potuto garantirgli minuti di gioco, rigettando la possibilità di trasferirsi in una squadra da titolo per vincere il primo anello in carriera.

Vince Carter ha fatto segnare durante la stagione scorsa alcuni record e traguardi di longevità, superando Reggie Miller al 20esimo posto della classifica marcatori ogni epoca, diventando il sesto giocatore della storia NBA per tiri da tre punti realizzati in carriera, e superando Karl Malone al quinto posto per partite NBA giocate in carriera.

Lo scorso 5 marzo Carter era inoltre diventato il più anziano giocatore NBA a segnare almeno 20 punti in una partita.

Nei giorni scorsi, l’ex giocatore di Nets, Mavericks e Suns si era detto disponibile a tornare per un’ultima volta ai Toronto Raptors, la squadra che lo scelse al draft NBA 1998 e con cui Vince Carter divenne uno dei giocatori più elettrizzanti e spettacolari della lega.

Carter fu per 7 stagioni idolo dell’allora Air Canada Centre, ma si lasciò in malo modo con i Raptors, in rotta con la dirigenza che lo spedì a metà stagione nel 2004 ai New Jersey Nets di Jason Kidd. Per le stagioni a seguire, Vince Carter fu puntualmente fischiato dal suo ex pubblico ad ogni ritorno in Canada da avversario, atteggiamento “ostile” mitigatosi però con il tempo.

8 volte All-Star, Carter vanta un oro olimpico a Sidney 2000 con la maglia della nazionale statunitense.

Il nativo di Daytona Beach ha viaggiato lo scorso anno a 7.4 punti di media tirando con il 41.9% dal campo in 76 partite giocate e 17.5 minuti di impiego a partita.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment