Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsGolden State Warriors “Buonanotte”, Steph Curry segna 41 punti e sistema i Kings

“Buonanotte”, Steph Curry segna 41 punti e sistema i Kings

di Michele Gibin
curry clutch player of the year

Aveva tirato male contro i Phoenix Suns alla prima stagione, ha fatto in modo che non si ripetesse: con 41 punti e 7 su 10 da tre, Stephen Curry ha firmato la prima vittoria in stagione per i suoi Golden State Warriors, contro i Sacramento Kings al Golden 1 Center.

122-114 il risultato finale, un punteggio in verità non fedelissimo all’andamento della partita, con i Kings che hanno rimontato con De’Aaron Fox solo nei secondi finali dopo aver inseguito anche di 19 punti nel quarto quarto. Curry aveva chiuso con appena 4 su 14 dalla lunga distanza contro Phoenix, Sacramento non è stata così fortunata: per Steph 14 su 19 dal campo in 35 minuti, una sentenza.

De’Aaron Fox è stato all’altezza della sfida, per lui 39 punti con 5 triple e 14 su 28 in 39 minuti. Domantas Sabonis ha chiuso con 19 punti e 18 rimbalzi con 7 assist ma Sacramento non ha saputo imporsi a rimbalzo nonostante gli Warriors non abbiano ancora Draymond Green, e con 12 su 40 da tre punti non si può andare troppo lontano. Negative soprattutto le prove di Kevin Huerter, zero punti in appena 16 minuti, e Chris Duarte (1 su 7 da tre) dalla panchina, ha invece fatto vedere buone cose in soli 12 minuti Sasha Vezenkov, uomo che reclama spazio e potrebbe guadagnarselo in fretta. Per l’ex Olympiacos e MVP dell’Eurolega 2023 10 punti con 4 su 6 dal campo.

Per Golden State Klay Thompson ha segnato 18 punti con 12 tiri, dalla panchina Jonathan Kuminga ha chiuso con 12 punti e 5 rimbalzi e Moses Moody ci ha aggiunto 10 punti in 21 minuti. Chris Paul è ancora in quintetto base e si è fatto vedere con una doppia doppia da 12 punti e 10 assist, gli Warriors hanno perso 19 palloni ma è stata l’unica nota stonata di una partita regolata dopo un primo tempo in cui Sacramento aveva fatto meglio, senza però scappare via.

Tutto parte però da Stephen Curry, in attesa di Draymond Green che sta ultimando il recupero dopo un infortunio alla caviglia rimediato al training camp. Steph ha griffato la vittoria con il suo celebre “night night” dopo l’ultima tripla di serata per tenere lontani i Kings in tardiva rimonta.

You may also like

Lascia un commento