Houston Rockets: Nenê torna in Texas per rinforzare la second unit
146608
post-template-default,single,single-post,postid-146608,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Houston Rockets: Nenê torna in Texas per rinforzare la second unit

Houston Rockets: Nenê torna in Texas per rinforzare la second unit

Dopo aver declinato la player option da 3.8 milioni di dollari per la stagione 2019-2020 poco più di due mesi fa, Nenê torna agli Houston Rockets: il veterano brasiliano, infatti, ha firmato un contratto annuale al minimo salariale e si appresta a disputare la sua diciottesima stagione in NBA.

Classe 1982, Nenê era approdato agli Houston Rockets nel 2016, quando – in seguito all’addio di Dwight Howard – divenne la riserva del giovane svizzero Clint Capela e diede un importante contributo nella grande stagione vissuta dai nuovi Razzi di Mike D’Antoni, terzi a Ovest con 55 vittorie e 27 sconfitte e capaci di arrivare a un passo dalle Finali di Conference, arrendendosi soltanto al cospetto dei più esperti San Antonio Spurs di Gregg Popovich (ko per 4-2 in semifinale di Conference).

Indimenticabile, su tutte, la miglior prestazione del centro brasiliano con la maglia degli Houston Rockets, quella offerta in gara-4 del primo turno dei playoff 2017 vinto per 4-1 con gli Oklahoma City Thunder: doppia doppia da 28 punti e 10 rimbalzi col 100% dal campo (12/12) in uscita dalla panchina. Al termine della stagione 2016-2017 firmò un triennale da circa 11 milioni di dollari, con player option da 3.8 per la stagione 2019-2020 (declinata due mesi fa). 

Houston Rockets: accordo con Nenê, il veterano brasiliano torna in Texas

Nenê ha collezionato 188 presenze con gli Houston Rockets tra regular season e playoff dal 2016 ad oggi.

Nonostante lo scorso anno abbia avuto un impiego notevolmente ridotto (poco più di 13’ per partita), il quasi 37enne di São Carlos ha offerto il suo prezioso contributo off the bench, soprattutto ai playoff, facendosi apprezzare sia contro gli Utah Jazz al primo turno che contro i Golden State Warriors nelle semifinali di Conference. In una post season in cui Kenneth Faried, alle prese col Ramadan, ha passato molto più tempo in panchina che sul parquet, il veterano ha rimediato  una pezza alla sua maniera.

Selezionato con la settima scelta assoluta al Draft 2002 dai New York Knicks e ceduto immediatamente ai Denver Nuggets, Nenê ha giocato in Colorado per dieci anni, al fianco di giocatori del calibro di Carmelo Anthony, Allen Iverson, Chauncey Billups, J.R. Smith, raggiungendo le Finali di Conference nel 2009, e ha indossato per quattro anni la maglia dei Washington Wizards (2012-2016).

37 anni da compiere il prossimo 13 settembre, il brasiliano è l’unico giocatore della classe Draft 2002 (quello dei vari Yao Ming, Amar’e Stoudemire, Carlos Boozer, Caron Butler e Luis Scola e del compianto Rasual Butler) ancora in attività: meglio di lui, in NBA, soltanto Vince Carter (1998), Jamal Crawford (2000) e Tyson Chandler (2001). Quest’ultimo sarà suo compagno di squadra tra le file degli Houston Rockets: i due si contenderanno il posto di vice Capela.

Dennis Izzo
dennisizzo13@icloud.com
No Comments

Post A Comment