James Harden sullo step-back: "Mio marchio di fabbrica come il gancio di Kareem e il fadeway di MJ"
142239
post-template-default,single,single-post,postid-142239,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

James Harden sullo step-back: “Mio marchio di fabbrica come il gancio di Kareem e il fadeway di MJ”

Houston Rockets record

James Harden sullo step-back: “Mio marchio di fabbrica come il gancio di Kareem e il fadeway di MJ”

Attualmente impegnato in Asia, tra Cina e Filippine, per un tour promozionale con Adidas, James Harden non ha preso parte agli NBA Awards tenutisi nella sua California due giorni fa. A vincere il premio di MVP è stato Giannis Antetokounmpo, leader dei Milwaukee Bucks capaci di far registrare il miglior record della lega (primo posto a Est con 60-22). Ciò nonostante, il Barba ha vissuto una stagione particolarmente memorabile, risultando il primo giocatore a concludere un’annata con 2500+ punti, 500+ rimbalzi e 500+ assist e almeno 35 punti e 7 assist.

James Harden e l’impatto dello step-back sulla scia di due mosse storiche

James-Harden-palla-in-mano

James Harden ha rilasciato delle dichiarazioni sul suo step-back: il Barba aggiungerà presto nuove mosse al suo sconfinato repertorio?

Per James Harden 36.1 punti, 6.6 rimbalzi, 7.5 assist e 2 palle recuperate di media in una regular season in cui ha trascinato i suoi Houston Rockets dal penultimo posto a Ovest (11-14) al quarto finale (53-29, stesso record dei Portland Trail Blazers terzi). Molti dei suoi 2818 punti sono arrivati con il suo marchio di fabbrica, il mortifero step-back che non lascia scampo ai difensori avversari e che contraddistingue il numero 13 dei Razzi per l’efficacia e la continuità con cui ricorre a questa mossa.

“Penso che il mio step-back sia particolare, un po’ come il gancio cielo di Kareem Abdul-Jabbar e il fadeaway di Michael Jordan, perché mi distingue dagli altri. Oggi tutti provano a fare lo step-back, soprattutto i più piccoli, che sono più creativi. Questo mi fa molto piacere e mi sprona ad allenarmi sempre più intensamente in palestra per aggiungere qualche altra mossa al mio repertorio che possa avere un impatto così netto sul gioco. L’evoluzione del mio step-back non è ancora giunta al termine, spero di poter continuare a svilupparlo.”, ha dichiarato in merito al suo marchio di fabbrica James Harden, già 7 volte All-Star, MVP della regular season nel 2018 e pronto a dare la caccia al titolo nella prossima stagione.

Dennis Izzo
dennisizzo13@icloud.com
No Comments

Post A Comment