Panchina Lakers: ecco i protagonisti della corsa a due per il dopo-Walton
134671
post-template-default,single,single-post,postid-134671,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Panchina Lakers: ecco chi sono i protagonisti della corsa a due per il dopo-Walton

Panchina Lakers: ecco chi sono i protagonisti della corsa a due per il dopo-Walton

Da diversi giorni si è diffusa voce secondo cui il posto dell’attuale Coach dei Los Angeles Lakers, Luke Walton, sia fortemente a rischio. La nuova squadra di Lebron James ha vissuto infatti una stagione totalmente fallimentare, mancando i Playoff.

La colpa non è di certo da rifilare solo a Walton, ma in questi casi a pagare è spesso chi occupa proprio la prima sedia delle lunghe panchine NBA.

Si dice che la prima scelta dell’executive Magic Johnson sarebbe stato Doc Rivers, attuale Head Coach dei cugini dei Los Angeles Clippers, il quale avrebbe prontamente rifiutato, non attirato dalla situazione mediatica e tecnica del progetto.

Ad oggi, senza grandi fuoriclasse della panchina disponibili, la cerchia di candidati si è ristretta a due: Jason Kidd e Tyronn Lue.

Jason Kidd: Lakers offerta irrifiutabile

Nella notte, colui che era già nei giorni scorsi uscito come candidato chiave, Jason Kidd, ha parlato ad ESPN dei rumors che lo stanno circondando:

“Essere ricercati è sempre piacevole. Mi fa capire di essere apprezzato, e di aver fatto cose giuste. Questo anno di riposo mi ha fatto ricalibrare alcune parti di me”

Ha poi continuato parlando dei Lakers:

“A fine anno valuterò le alternative che avrò a disposizione. Ma i Lakers sono una delle franchigie più grandi al mondo, sarebbe difficile rifiutare, sia come Coach che come giocatore. Gli interessano molto le vittorie, quindi è un processo di miglioramento continuo. Hanno una squadra giovane, con Lebron a velocizzarne lo sviluppo. Ma le vittorie richiedono tempo”.

Parlando proprio di Lebron, ha concluso dicendo:

“Quando si deve scegliere il miglior giocatore del mondo, per sè, si è spesso di parte, come Coach o compagno di squadra. Io ho già allenato un grande giocatore in Giannis Antetokounmpo, ma spero che avrò l’opportunità di allenarne un altro di questo livello“.

Tyronn Lue ha grande considerazione, per Stephen A. Smith

Il giornalista di ESPN, Stephen A. Smithè famoso per esprimere sempre pensieri al limite e spesso controcorrente. Stavolta si è voluto schierare contro le voci che darebbero Kidd favorito per la panchina gialloviola, suffragando la candidatura di una vecchia conoscenza di Lebron: Ty Lue.

Nel suo podcast, ha infatti parlato così:

“Sono qui per dirvi che Jason Kidd non sarà davvero considerato dai Lakers come Head Coach. I Nets e i Bucks non l’hanno considerato all’altezza. Anche i Lakers preferiscono altro. Sta crescendo molto la considerazione di Tyronn Lue. Ha portato i Cavs di Lebron a 3 finali consecutive, vincendone una da uno svantaggio di 3-1. E’ stato sempre in grado di fare le giuste mosse passando dalla stagione regolare alla Postseason. Ecco la questione: Lue ha dimostrato di essere un Coach capace e Lebron lo rispetta moltissimo, e non gli dispiacerebbe vederlo sulla panchina dei suoi. Questi sono i fatti”.

 

 

 

 

 

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment