fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsMilwaukee Bucks La NBA apre un’indagine sulla mancata trade Bogdan Bogdanovic

La NBA apre un’indagine sulla mancata trade Bogdan Bogdanovic

di Michele Gibin

La NBA ha aperto un’indagine interna per fare luce sulla mancata sign and trade tra Sacramento Kings e Milwaukee Bucks che avrebbe dovuto spedire il serbo Bogdan Bogdanovic ai Bucks in cambio di un pacchetto di giocatori, tra cui Donte DiVincenzo.

Annunciato sole poche ore dopo l’apertura del mercato NBA, assieme all’altra trade che ha portato a Milwaukee la star Jrue Holiday, lo scambio è naufragato nella serata di mercoledì prima del draft, quando Sam Amick di The Athletic ha riportato per primo che Bogdanovic non aveva accettato l’offerta di contratto dei Bucks (che da free agent avrebbe dovuto firmare “per procura” coi Kings per poi essere girato a Milwaukee).

Le regole NBA prevedono che un free agent debba accettare formalmente l’offerta di una squadra che propone un nuovo contratto, cosa che Bogdanovic non avrebbe fatto.

Difficile pensare che Kings e Bucks abbiano agito senza sapere di tale necessità, più probabile che abbiano “sperato” di accomodare il dettaglio in corso d’opera, agendo nel frattempo con un accordo di massima. Bogdanovic è diventato da poche ore ufficialmente restricted free agent e ha l’intenzione (e la facoltà) di ascoltare le offerte che arriveranno dalle altre squadre, e non era tenuto ad accettare il trasferimento ai Bucks.

Cosa vorrà appurare la NBA con la sua indagine? Secondo Tim Reynolds di AP, la lega ritiene plausibile che i Milwaukee Bucks avessero un accordo con Bogdanovic, che da regolamento non avrebbe potuto invece parlare con altre squadre prima dell’avvio formale della free agency NBA (la mezzanotte di venerdì, ora italiana). Una situazione passibile di tampering e quindi di sanzioni.

E’ altresì possibile che Bogdan Bogdanovic abbia fatto saltare il tavolo perché venuto a conoscenza nel frattempo di un’offerta più vantaggiosa, che sarebbe arrivata da un’altra squadra. Va sottolineato però che i Kings potranno decidere di pareggiare qualsiasi proposta dovesse arrivare per il giocatore, e tenerlo a Sacramento.

Sarà molto difficile nel frattempo che Bucks e Kings possano riprendere la trade: Milwaukee ha rilasciato Ersan ilyasova, il cui contratto avrebbe fatto parte dello scambio.

Di certo, resta il colpo alla reputazione dei Milwaukee Bucks, impegnati a creare una squadra da titolo attorno a Giannis Antetokounmpo che al contempo dovrà decidere nelle prossime settimane se legarsi a lungo termine con la squadra che lo scelse nel 2013. Il due volte MVP potrà firmare un contratto al supermassimo salariale di 5 anni.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi