Bucks-76ers, Giannis batte Embiid, Milwaukee si assicura il miglior record
135583
post-template-default,single,single-post,postid-135583,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Bucks-76ers, Giannis batte Embiid, Milwaukee si assicura il miglior record: “Missione compiuta”

sorprese NBA-Antetokounmpo-Risultati NBA gara 6

Bucks-76ers, Giannis batte Embiid, Milwaukee si assicura il miglior record: “Missione compiuta”

Vittoria numero 58 in stagione e miglior record NBA stagionale in cassaforte per i Milwaukee Bucks, che trascinati dai 45 punti di Giannis Antetokounmpo battono 128-122 i Philadelphia 76ers.

Con la vittoria ottenuta al Wells Fargo Center, i Bucks si sono quindi assicurati il vantaggio del fattore campo in ogni eventuale serie di playoffs, finali NBA comprese. Non è bastata a dei Sixers privi di Jimmy Butler (schiena) la tripla doppia da 34 punti, 13 rimbalzi e 13 assist di Joel Embiid, al rientro dopo tre partite d’assenza.

Per Giannis Antetokounmpo una gara da 45 punti, 13 rimbalzi, 6 assist e 5 stoppate, con 3 tiri da tre punti mandati a bersaglio (su 7 tentativi) e ben 21 tiri liberi guadagnati. Milwaukee Bucks privi degli infortunati Malcom Brogdon, Nikola Mirotic e Pau Gasol e che devono rinunciare dopo appena due minuti di gioco a Eric Bledsoe.

La point guard dei Bucks viene espulsa dagli arbitri dopo un contatto con Joel Embiid. Bledsoe spintona alle spalle il centro camerunense, che raccoglie il pallone e lo lancia stizzito verso l’ex giocatore dei Los Angeles Clippers. Bledsoe mal accoglie “l’assist” di Embiid e scaglia con forza il pallone verso la star dei Sixers. I due si cercano e vengono separati dai rispettivi compagni, ed un Bledsoe furente viene allontanato dagli arbitri per doppio fallo tecnico, dopo appena 2:36 di gioco.

Il veterano George Hill sostituisce però degnamente il titolare espulso e chiude la sua gara con 20 punti, 5 assist e 5 rimbalzi in 32 minuti d’impiego.

Bucks-76ers, Philadelphia rimane terza ad Est, Giannis: “Missione compiuta”

Partita utile tra Bucks e Sixers a rinfocolare la rivalità tra le due squadre, e lo scontro diretto tra le due star Embiid e Antetokounmpo. La sconfitta non compromette il terzo posto solitario per Philadelphia (49-30), che nonostante la striscia aperta di tre sconfitte consecutive mantiene due gare di vantaggio sui Boston Celtics, a tre partite dal termine della regular season.

La corsa al miglior record NBA ed al primato nella Eastern Conference non ha ammesso pause per Giannis Antetokounmpo, impegnato parallelamente in un testa a testa “all’ultimo voto” con James Harden degli Houston Rockets per il premio di MVP della stagione.

I Milwaukee Bucks non hanno patito in questo finale di stagione i tanti infortuni che hanno coinvolto in primo luogo Malcom Brogdon (fascite plantare per il rookie dell’anno 2017), giocatore fondamentale quale “playmaker” aggiunto a fianco di Antetokounmpo nel sistema di coach Mike Budenholzer e tiratore da 42.6% in stagione. Brogdon salterà le ultime 3 partite di regular season e molto probabilmente parte del primo turno di playoffs.

Nikola Mirotic (frattura al pollice della mano destra) ed il neo acquisto Pau Gasol (caviglia) sono tuttora indisponibili, così come il rookie Donte DiVincenzo. In attesa dei rientri di Brogdon e Mirotic, toccherà ai veterani George Hill, Ersan Ilyasova e Pat Connaughton il compito di sostenere lo sforzo dalla panchina.

E Giannis?

Il fattore campo è importantissimo, soprattutto in caso di una gara 7. Il miglior record era un nostro obiettivo, ce l’abbiamo fatta, quella di stanotte è stata una vittoria importante per noi, un gran lavoro di squadra anche senza Bled (Eric Bledsoe, ndr). I ragazzi dalla panchina hanno giocato duro e segnato tiri importanti. Con tutti gli infortuni che ci sono capitati, è bello sapere che in squadra ci sono tanti ragazzi su cui fare affidamento (..) George Hill è stato grande, difesa e leadership nei momenti decisivi della partita

Antetokounmpo dimostra poi di non essere distratto dai discorsi sul premio di MVP e la sfida a distanza con James Harden:

L’MVP? Se continui a vincere, è qualcosa che arriva automaticamente. Parlare con Kobe Bryant mi ha fatto cambiare mentalità: mi ha sfidato a vincere il premio e mi ha dato grande ulteriore fiducia nei miei mezzi

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment