fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Carmelo Anthony su Leon Rose a capo delle operazioni dei Knicks: “Sono scioccato, ma farà bene”

Carmelo Anthony su Leon Rose a capo delle operazioni dei Knicks: “Sono scioccato, ma farà bene”

di Tommaso Ranieri

Carmelo Anthony dice la sua su Leon Rose, il quale sembra prossimo ad assumere il controllo delle operazioni di gestione in casa Knicks. Il giocatore dei Portland Blazers conosce meglio di chiunque altro Rose, dato che quest’ultimo ha coadiuvato l’approdo di Melo nella franchigia della Grande Mela nell’ormai lontano 2011.

In particolare, stando a vari rumors, dopo l’allontanamento dalla dirigenza di Steve Mills da parte di James Dolan, quest’ultimo sembra sempre più orientato ad assumere, per l’appunto, Leon Rose. Notizia questa che avrebbe colto molto di sorpresa l’ex giocatore dei Thunder nel post partita della vittoria dei suoi Blazers contro i Miami Heat. “Sono ancora sotto shock. Non lo sapevo fino a questa settimana, c’è molto da capire e da realizzare. Sono sicuro che assumerà il lavoro e lo svolgerà adeguatamente, ma è tutto nuovo per me“.

La scelta su Rose è stata dettata dal grande potere acquisito dall’agente nel mondo del basket americano: basti pensare che dal 2000 in poi, Leon Rose ha curato gli interessi di campioni quali Allen Iverson, lo stesso Anthony, LeBron James, Chris Paul, Dwyane Wade e Chris Bosh.

Io, Bron (James, ndr), Wade e Bosh ci siamo uniti grazie a lui. Aveva il meglio del meglio della NBA e lui ci ha messo nella condizione di poterci esprimere nel modo migliore. E’ sempre onesto con tutti.

 Carmelo Anthony ai tempi dei New York Knicks

Sicuramente, il colpo di “teatro” più famoso di Rose fu quello riguardante il celeberrimo approdo di LeBron James nel 2010 in quel di Miami. Durante quell’estate, a testimonianza del forte legame che lega il potente agente alla franchigia dei Knicks, diverse erano state le voci di numerosi contatti tra James e il team della Grande Mela, i quali però non si sono mai concretizzati concretamente. Successivamente, però, Rose ebbe modo di rifarsi, orchestrando il passaggio di Melo a New York dai Nuggets: tale ruolo fondamentale lo ha riconosciuto lo stesso Anthony.

Ha avuto un ruolo fondamentale in tutto ciò che ho realizzato in quel periodo. Se Dolan lo ha scelto per fargli ricoprire il ruolo di president of basketball operations ha riconosciuto le sue enormi doti nelle negoziazioni. Penso che abbia capito che tipo di persona sia: ci sono stati momenti belli e brutti, ma credo sia naturale.

Il decennio appena trascorso non è stato per nulla semplice per una delle squadre “più glamour” di tutta la lega. Nonostante il grande impatto mediatico, i Knicks non sono mai stati all’altezza di tutta questa attenzione, non raggiungendo mai risultati soddisfacenti e degni di nota. Anzi, nelle ultime stagioni, New York è divenuta lentamente lo zimbello di tutto il campionato: per risalire la china occorrono le persone giuste, e Leon Rose senz’altro non avrà un compito semplice da eseguire. Tuttavia, Anthony sembra fiducioso sull’esito del suo operato: “Credo che farà bene. E’ un compito difficile ed impegnativo, certamente non il migliore del mondo. Comprende il business e gli affari nel modo giusto: con la sua intelligenza può farcela“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi